La Svizzera ancora in ritardo nella formazione universitaria

Le donne rimangono tuttora sottorappresentate nelle discipline matematiche e tecniche Keystone

Il tasso di diplomati presso le scuole universitarie è raddoppiato negli ultimi dieci anni in Svizzera, ma rimane ancora inferiore a quello della media dei principali paesi industrializzati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 settembre 2007 - 16:29

Secondo uno studio dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, la Svizzera figura inoltre nelle ultime posizioni per quanto concerne la quota delle donne nelle discipline matematiche, tecniche e scientifico-naturali.

Negli ultimi 25 anni, la durata della formazione scolastica è aumentata in Svizzera, come nella maggior parte dei paesi membri dell'OCSE. Se nel 1980 un bambino di cinque anni passava in media 14,5 anni sui banchi di scuola, nel 2005 tale valore aveva raggiunto 16,9 anni.

Questo incremento è stato inoltre accompagnato da una diminuzione delle differenze tra i sessi negli studi di terzo grado (scuole di livello universitario). Tuttavia le donne continuano a essere "notevolmente" sottorappresentate negli indirizzi matematici, tecnici e delle scienze naturali.

Sono questi alcuni risultati di uno studio sugli indicatori della formazione realizzato dall'OCSE e pubblicato martedì dall'Ufficio federale della statistica (UST).

Formazione prescolastica in aumento

La crescente partecipazione alla formazione s'iscrive negli sforzi internazionali di incrementare l'offerta formativa del grado prescolastico. Nei paesi membri dell'OCSE, 7 bambini di tre e quattro anni su 10 frequentano programmi di formazione prescolastica. In Svizzera, tale rapporto scende a circa 4 su 10 bambini.

Ciononostante, la tendenza a investire maggiormente nell'educazione prescolastica è in atto anche sul territorio elvetico. Nel periodo 1980 e 2005, la permanenza media di un bambino nella scuola materna è passata da 1,6 a 1,9 anni.

La partecipazione alla formazione è cresciuta anche nell'ambito della formazione postobbligatoria. Conseguire un diploma di grado secondario è ormai la norma.

Con circa l'89% dei ragazzi che acquisiscono un diploma del genere, la Svizzera si colloca chiaramente sopra la media OCSE (82%) per quanto concerne il tasso di diplomati di grado secondario.

Svizzera recupera nel grado terziario

Stando al rapporto dell'OCSE, la Svizzera fa parte del gruppo di paesi il cui tasso di diplomati del grado terziario A (scuole universitarie) è almeno raddoppiato negli ultimi dieci anni. Tale crescita va interpretata alla luce delle riforme universitarie avvenute in questi anni, come pure alla creazione delle scuole universitarie professionali.

Ciononostante, il tasso di diplomati del grado terziario sul territorio elvetico rimane sempre sotto la media OCSE (27% contro 36%). Questa differenza va ricondotta in parte al fatto che la Svizzera dispone di una vasta offerta nell'ambito della formazione professionale superiore (grado terziario B).

La maggiore partecipazione alla formazione è accompagnata da investimenti corrispondenti. In Svizzera, le risorse pubbliche destinate alla formazione hanno conosciuto dal 1990 una crescita del 20% del prodotto interno lordo.

Ancora disparità tra i sessi

Sempre secondo lo studio, nell'ultimo quarto di secolo si sono gradualmente attenuate le disparità tra i sessi per quanto concerne gli studi di livello universitario in Svizzera.

Nelle discipline matematiche, scientifico-naturali e tecniche le donne rimangono tuttavia ancora fortemente sottorappresentate. Con un tasso di diplomate del 15% circa (22% a livello universitario, 6% a livello di formazione professionale superiore), la Svizzera si situa insieme al Giappone nel fanalino di coda dei paesi analizzati.

Differenze tra i sessi per quanto riguarda le competenze matematiche emergono d'altronde nella maggior parte dei paesi dell'OCSE. Le ragioni sarebbero da ricercare tra l'altro in una "maggiore motivazione strumentale" dei ragazzi nei confronti della matematica.

swissinfo e agenzie

In breve

Il sistema scolastico svizzero è suddiviso in tre livelli: primario, secondario e terziario. Il grado primario e una parte del grado secondario costituiscono la scuola dell'obbligo, che dura 9 anni.

Il grado terziario comprende 2 scuole politecniche federali (Zurigo e Losanna), 10 scuole universitarie cantonali, 8 scuole universitarie professionali e 15 alte scuole pedagogiche.

Sono inoltre considerate di livello terziario le scuole professionali superiori e le scuole tecniche.

All'inizio dell'anno scolastico 2006/7 erano circa 114'000 gli studenti iscritti nelle scuole universitarie cantonali e 55'000 nelle scuole universitarie professionali.

End of insertion

Nuova Conferenza delle scuole superiori

I rappresentanti degli istituti di formazione di terzo grado hanno fondato martedì a Berna la Conferenza delle scuole superiori della Svizzera (Conferenza SSS).

Il suo obiettivo è di tutelare meglio gli interessi delle scuole superiori a livello politico ed economico.

La Conferenza SSS è sostenuta da oltre 100 istituti che rappresentano più dell'80% dei posti di studio.

A lungo termine, i suoi promotori intendono ancorare in una nuova legge migliori condizioni quadro per le scuole superiori e i loro studenti.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo