Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La Svizzera fa gli auguri al governo palestinese

Il primo ministro Haniyeh (Hamas, a sinistra) e il presidente Abbas (Fatah) durante la prima riunione del nuovo governo palestinese

(Keystone)

La presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey ha inviato una lettera al ministro degli esteri palestinese congratulandosi per il varo del nuovo governo d'unità nazionale.

Con questa lettera, la Svizzera ha assicurato la sua collaborazione alle autorità palestinesi a patto che queste ultime si attengano a determinate condizioni.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha annunciato di aver spedito una lettera al governo palestinese.

Con questa missiva – ha spiegato un portavoce del DFAE – la Svizzera saluta la formazione del nuovo esecutivo e ribadisce la sua disponibilità a collaborare con le autorità palestinesi, a condizione però che queste ultime scelgano la strada del dialogo e agiscano in modo pacifico.

Da un anno, vale a dire da quando è al potere il partito islamico radicale Hamas, la maggior parte dei governi occidentali boicotta l'esecutivo palestinese.

La Svizzera non sostiene questo boicottaggio, anche perché non ha mai finanziato Hamas e continuerà a non farlo. Il sostegno offerto dalla Confederazione alla Palestina viene impiegato direttamente in favore della popolazione.

Dare una mano alla popolazione civile

In effetti, da tempo la Svizzera limita le sue attività nei Territori occupati al sostegno della popolazione civile. Gli aiuti sono continuati anche un anno fa, dopo la vittoria di Hamas alle elezioni.

Ogni anno, la Confederazione mette a disposizione delle organizzazioni umanitarie 10 milioni di franchi. Altri 10 milioni vengono spesi direttamente per le attività in Palestina della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC).

Questi mezzi finanziari sono destinati soprattutto alla promozione dei diritti umani e allo sviluppo del buon governo.

A Gerusalemme Est, la Svizzera dispone di un ufficio di cooperazione aperto nel 1999. Due anni più tardi, a Ramallah, è stato inaugurato un ufficio di rappresentanza presso le autorità palestinesi.

Scambi ridotti

La situazione politica attuale influisce sulle relazioni commerciali tra Svizzera e Palestina che sono ridotte al minimo.

In seguito alla formazione del nuovo governo di unità nazionale, solo la Norvegia ha deciso di allentare il blocco economico imposto alla Palestina dai paesi occidentali. Il quartetto per il Vicino Oriente – formato da Nazioni unite, Unione europea, Stati uniti e Russia – pretende che prima il governo palestinese riconosca il diritto all'esistenza d'Israele e si dichiari contrario all'uso della violenza.

Al momento – ha fatto sapere l'Unione europea – queste condizioni non sono ancora state soddisfatte e di conseguenza non c'è motivo di ritirare l'embargo imposto alle autorità palestinesi.

swissinfo e agenzie

Non con Hamas

La Norvegia è stata il primo paese occidentale a prendere contatto con il nuovo governo d'unità nazionale palestinese. Il 19 marzo, il segretario di Stato Johansen ha incontrato a Gaza il primo ministro Haniyeh. Israele non ha apprezzato il colloquio tra la Norvegia e un rappresentante di Hamas e ha di conseguenza annullato un incontro ufficiale con Johansen.

Dal canto suo, la Francia è pronta a prendere contatto con i ministri palestinesi, ma solo con quelli che non sono membri del partito islamico radicale di Hamas. Gli Stati uniti, che il 20 marzo hanno parlato con un membro del nuovo governo, seguono la stessa linea.

La Germania ha esortato il nuovo governo palestinese a rispettare le condizioni del quartetto per il Vicino Oriente. Solo con la rinuncia alla violenza e con il riconoscimento d'Israele il processo di pace può andare avanti.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.