La Svizzera si prepara alla sfida contro l'Inghilterra

Tante domande sulla formazione, ma Köbi Kuhn svelerà le proprie carte solo poco prima del fischio d'inizio Keystone

I giocatori della Nazionale elvetica sono pronti ad affrontare l’Inghilterra, nella super sfida di giovedì dell’Euro 2004.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2004 - 11:56

L’allenatore inglese Sven-Goran Eriksson vuole guadagnare i primi punti del torneo e punta su una squadra all’attacco sin dall’inizio.

All’Inghilterra rode ancora la sconfitta subita in extremis – 2 a 1 nei tempi supplementari – contro la Francia. Un altro passo falso contro la Svizzera e la compagine inglese può fare le valigie e tornarsene a casa.

“Dobbiamo attaccare, essere molto aggressivi e lottare su ogni pallone”, dichiara Sven-Goran Eriksson, allenatore dell’Inghilterra.

“Se vogliamo battere la Svizzera, dobbiamo essere motivati e concentrati così come lo siamo stati per 93 minuti nella partita contro la Francia. Ma non sarà un’impresa facile”, continua Eriksson.

La Nazionale elvetica, dopo il pareggio (0-0) nella partita inaugurale del girone contro la Croazia, non ha nulla da perdere contro una delle squadre date per favorite prima del torneo.

L’allenatore rossocrociato Köbi Kuhn concorda con le parole di Eriksson sul fatto che i primi minuti della partita saranno cruciali: “l’Inghilterra è in grado di esercitare una forte pressione, ma se resistiamo per i primi quindici minuti, loro rischiano di innervosirsi”.

Una formazione rimaneggiata

La formazione che ha salvato il pareggio contro la Croazia, dopo aver giocato in dieci uomini per quasi tutto il secondo tempo, dovrà essere almeno in parte rimaneggiata.

Fabio Celestini prenderà probabilmente il posto di Johan Vogel, sospeso dopo il cartellino rosso durante la partita d’esordio, quale regista a centrocampo.

Non ancora sicuro il rientro di Ricardo Cabanas, dopo aver scontato un doppio turno di sospensione per un inutile fallo nella sfida di qualificazione contro la Russia. Il suo compagno di squadra Benjamin Huggel sembra al momento più affidabile.

Dal canto suo, Christoph Spycher, che dovrà contrastare la star inglese David Beckham a centrocampo, è impaziente di scendere in campo.

“L’Inghilterra ha molti giocatori offensivi validi, non solo Beckham”, afferma Raphael Wicky, che era presente anche durante la sfida di Londra nell’Euro ’96, quando la Svizzera strappò un pareggio contro i padroni di casa nella partita inaugurale.

Rispetto e provocazioni

I giocatori inglesi insistono sul fatto che non sottovalutano per niente la squadra svizzera. Beckham e compagni scenderanno in campo come se dovessero affrontare i campioni europei.

“Non prendiamo nessun’avversario alla leggera. Ogni partita del nostro gruppo è difficile e se non giocheremo al 100% saremo eliminati dalla competizione”, afferma Beckham.

Intanto, le discussioni e le provocazioni del pre-partita si accendono da entrambe le parti.

Il giornale scandalistico svizzero “Blick” ha pubblicato, a grandezza di pagina, un manifesto di una bambola del tipo "rito voodoo”, rappresentante il capitano inglese Beckham con dei chiodi infilati nelle gambe.

Il giornale invita i tifosi svizzeri ad invocare ogni sorta di magia nera per “appesantire le gambe degli inglesi”.

Il sito internet inglese della BBC risponde con un altrettanto provocatorio “Voodoo you think you are?”, “Ma chi credete di essere?”.

La sfida è dunque cominciata, ancor prima del fischio dell’arbitro.

swissinfo e agenzie

In breve

La Svizzera scenderà in campo senza Johan Vogel, squalificato dopo il cartellino rosso ricevuto durante la partita d’esordio contro la Croazia.

Chi tra Svizzera ed Inghilterra dovesse uscire sconfitto dal campo, vedrà pregiudicate le proprie possibilità di qualificarsi per i quarti di finale.

Nella sfida inaugurale dell’Euro 96, Svizzera ed Inghilterra avevano pareggiato 1-1.

End of insertion

Fatti e cifre

Nelle partite precedenti: Svizzera-Croazia 0-0 e Francia-Inghilterra 2-1.
Oggi si giocano Svizzera-Inghilterra a Coimbra (18.00) e Francia-Croazia a Leiria (20.45).

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo