Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Retrospettiva Le tappe della politica europea della Svizzera

La Svizzera non è uno Stato membro dell'UE. La sua politica europea è basata su accordi settoriali bilaterali. È dall'Accordo di libero scambio del 1972 e dopo che nel 1992 i votanti hanno rifiutato l'adesione allo Spazio economico europeo (SEE), che Berna ha imboccato la via bilaterale tessendo una rete sempre più fitta di accordi con Bruxelles.

Grazie al suo grande mercato interno, superiore a quelli degli Stati Uniti e della Cina, l'UE non solo è la più grande potenza economica del mondo, ma svolge anche un ruolo importante per la pace e la stabilità nel Vecchio Continente, essendo un'alleanza di 28 Stati membri.

In diverse votazioni l'elettorato svizzero ha confermato il percorso bilaterale. Tuttavia, nel febbraio 2014, la maggioranza dei votanti ha approvato l'iniziativa contro l'immigrazione di massa, che prevedeva limitazioni dell'immigrazione. Da allora le relazioni tra la Svizzera e l'UE sono diventate più difficili.

Oggi, l'ulteriore sviluppo del percorso bilaterale dipende da una soluzione delle questioni istituzionali. Un nuovo accordo quadro, che dovrebbe essere concluso quest'autunno, disciplinerebbe l'interpretazione uniforme degli accordi sull'accesso al mercato e la soluzione delle controversie giuridiche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.