Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Cronaca nera Studentessa italiana uccisa a Ginevra: sfuma la pista della rapina

Secondo fonti investigative italiane, l’assassino della studentessa italiana di 29 anni, uccisa a sprangate a Ginevra nella notte tra lunedì e martedì, sarebbe un conoscente di origini senegalese. L’uomo avrebbe lasciato la penisola nel 2014 dopo essere stato denunciato dalla moglie per maltrattamenti. A far sfumare la pista della rapina, avanzata ieri, è stato il ritrovamento sul luogo del delitto dello zainetto e del portafoglio della ragazza.  

Trasportata all’ospedale, la giovane è morta a causa delle ferite alla testa. La 29enne era una ricercatrice di origini pugliesi che, dopo gli studi a Torino, si era trasferita in Svizzera per svolgere un dottorato alla facoltà di medicina.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.



swissinfo.ch e rsi.ch (TG del 13.4.2016)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza