Prospettive svizzere in 10 lingue
Illustration Auslandschweizer

Gli svizzeri all’estero rimarranno in eterno cittadini di seconda classe?

Come può la Svizzera garantire che i suoi cittadini e le sue cittadine all'estero non siano trattati peggio di chi vive in patria? Pensiamo alle elezioni e alle votazioni, ma non solo. La diaspora è spesso svantaggiata anche nei rapporti con le banche svizzere e in ambito sanitario.

Nei dibattiti sui diritti politici e sul voto elettronico, l’Organizzazione degli svizzeri all’estero (OSE) parla di “cittadini di seconda classe” e di “discriminazione”. Il principale problema, infatti, non è ancora stato risolto: in molti luoghi all’estero resta impossibile ricevere e rispedire i documenti di voto in tempo debito.

I cittadini e le cittadine svizzere residenti all’estero spesso non hanno quindi la possibilità di votare o di farsi eleggere, anche se hanno questo diritto dal 1992. Si tratta di una contraddizione di cui si discute anche nella politica svizzera.

Altri sviluppi
Claude Longchamp e Sarah Bütikofer, davanti a palazzo federale - collage

Altri sviluppi

Chi sono le svizzere e gli svizzeri all’estero?

Questo contenuto è stato pubblicato al Sappiamo solo in parte come è composta esattamente la comunità elvetica all’estero. Viaggio nel labirinto della Svizzera globale.

Di più Chi sono le svizzere e gli svizzeri all’estero?

Per le elezioni federali del 2023, molti Cantoni hanno voluto ovviare al problema inviando prima il materiale di voto. Tuttavia, non tutti ci sono riusciti, per vari motivi.

Altri sviluppi

Dal 2023, molti svizzeri e svizzere all’estero sperano che il voto elettronico venga reintrodotto su larga scala. Nel giugno 2023 la Svizzera ha avviato una nuova serie di test, inizialmente in tre cantoni.

Altri sviluppi

La nuova fase di prova fa seguito a un periodo in cui il voto elettronico era stato completamente abbandonato per motivi di sicurezza e di costi. 

Altri sviluppi

Nel 2023, anno delle elezioni federali, le preoccupazioni della Quinta Svizzera sono tornate al centro dell’attenzione. La politica svizzera ha capito il valore di questo elettorato.

Altri sviluppi

I partiti si sono resi conto che soddisfare le esigenze della Quinta Svizzera avrebbe permesso loro di conquistare voti.  

Altri sviluppi

Il diritto di voto degli svizzeri e delle svizzere all’estero significa però che lo Stato è obbligato a renderlo possibile nella pratica? Alcune persone ne dubitano.

Altri sviluppi

C’è un’altra particolarità che la diaspora svizzera nel mondo ritiene discriminatoria: a differenza della Francia, ad esempio, la Svizzera non ha una rappresentanza permanente o garantita di persone espatriate nelle Camere federali.

Altri sviluppi

La situazione può sembrare sorprendente, viste le dimensioni di questo elettorato che, con 230’000 voti potenziali, è paragonabile a quello di un grande cantone svizzero. Finora i tentativi di migliorare la rappresentanza politica in Parlamento non hanno avuto molto successo.

Altri sviluppi

Un’altra forma di discriminazione subita dagli svizzeri e dalle svizzere all’estero – e per ragioni completamente diverse – riguarda i loro rapporti con le banche svizzere.

Per avere un conto in questi istituti, devono effettuare depositi minimi elevati e pagare commissioni esorbitanti. A volte vengono addirittura rifiutati. Con lo scambio automatico di informazioni – introdotto su pressione degli Stati Uniti – dopo il 2008 le banche svizzere hanno iniziato a interrompere i rapporti con la clientela residente all’estero. Oppure l’hanno irritata aumentando i costi dei servizi bancari.

Altri sviluppi

L’idea che lo Stato non debba interferire nel settore privato ha preso piede nel mondo della politica.

Sono soprattutto le persone anziane che vivono in Paesi non appartenenti all’UE/AELS a non poter più beneficiare di soluzioni assicurative finanziariamente sostenibili, il che rappresenta un ulteriore svantaggio.

Altri sviluppi

Nel 2020, la pandemia di Covid-19 imperversava ovunque nel mondo. Molti svizzeri e svizzere all’estero si sono sentiti ancora una volta discriminati. Perché i loro vaccini non erano riconosciuti in Svizzera o perché la Svizzera non dava loro accesso ai vaccini.

Altri sviluppi

Infine, la stessa Organizzazione degli svizzeri all’estero deve affrontare sfide importanti. La legittimità democratica del Consiglio degli svizzeri all’estero, spesso definito il Parlamento della Quinta Svizzera, è sempre più messa in discussione.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

Consiglio degli Svizzeri all’estero: Berna fa pressione

Questo contenuto è stato pubblicato al La mancanza di rappresentatività dell’istituzione che dovrebbe difendere gli interessi della diaspora è ancora una volta sotto i riflettori.

Di più Consiglio degli Svizzeri all’estero: Berna fa pressione

Si tratta in gran parte di un organo composto da delegati e delegate delle varie associazioni elvetiche all’estero. Oggi, una parte dei suoi membri chiede un sistema elettorale più rappresentativo e democratico.

Altri sviluppi

Questo tema dovrebbe continuare a occupare l’OSE negli anni a venire. Un cambiamento è infatti necessario e questo non può essere semplicemente provocato in modo centralizzato o imposto dall’alto.

Altri sviluppi
Uno sfondo rosso con la parola "SWI plus" in bianco, dove "SWI" è racchiuso in un rettangolo bianco.

Altri sviluppi

Scarica l’app SWIplus e resta informato/a

Questo contenuto è stato pubblicato al Volete rimanere informati all’estero? Ora la nostra app SWIplus offre ancora più Svizzera: con notizie, storie e il nostro briefing!

Di più Scarica l’app SWIplus e resta informato/a

I più discussi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR