Roche sempre più proiettata verso la ricerca genomica per lottare contro le malattie ereditarie

L'Istituto di immunologia dell'Uni di Basilea, creato da Roche, diventerà un centro di ricerca sul genoma in stretta relazione con la casa madre. D'altra parte, l'Indonesia ha inflitto a Roche una multa di 56 milioni di franchi per rottura di

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2000 - 12:39

L'Istituto di immunologia sarà indipendente e farà da tramite fra le divisioni di Roche e la comunità scientifica, ha annunciato il colosso farmaceutico basilese. «Per preservare la tradizione» dell'Istituto, oltre allo sviluppo della genetica, Roche creerà una cattedra di immunologia classica nell'ateneo basilese.

Il nuovo orientamento dell'Istituto è destinato ad agevolare le sinergie della ricerca nei campi della genetica e della genomica, sviluppando nuovi metodi di diagnosi e nuove terapie, sottolinea Roche.

Le attività del centro di ricerca medica sul genoma mireranno essenzialmente a spiegare i meccanismi molecolari delle malattie umane. Saranno inoltre sviluppate varie discipline, come la bioinformatica, la biologia assistita dal computer, e la genomica funzionale.

L'Istituto di immunologia conta oggi 194 collaboratori a Basilea. Il nuovo centro ne occuperà un'ottantina mentre agli altri sarà proposto un nuovo impiego sempre nel gruppo basilese, ha precisato all'ats un portavoce di Roche.

L'Istituto di immunologia dell'Università di Basilea è stato creato nel 1968 da Roche ed occupa oltre 500 collaboratori nel mondo. In quasi trent'anni di esistenza, i suoi lavori sono stati coronati da tre Premi Nobel. La genomica è lo studio dei geni degli organismi viventi e dell'informazione di cui sono portatori. Questa disciplina permette una migliore comprensione delle malattie ereditarie e quindi di combatterle con maggiore efficacia.

D'altra parte, in Indonesia, Roche è stata condannata a una multa di 56 milioni di franchi per avere rescisso una parte del contratto che legava da lungo tempo la multinazionale a un distributore dei suoi prodotti.

La ditta basilese ha indicato che ritiene assurdo il montante della multa e che intende inoltrare ricorso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo