Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Sanzioni più severe per chi sevizia gli animali

Per i loro difensori, gli animali devono aver diritto alla premura degli uomini

(Keystone Archive)

Le crudeltà contro le bestie devono essere punite di più, secondo la Fondazione per l'animale nella giurisprudenza, che chiede l'istituzione di avvocati.

L'organizzazione basata a Zurigo ha inoltre denunciato il fatto che molti casi di maltrattamento non sono notificati.

Generalmente, le persone che maltrattano animali possono dormire sonni tranquilli. È la denuncia lanciata lunedì a Zurigo da Antoine Goetschel, direttore della «Stiftung für das Tier im Recht» (Fondazione per l'animale nella giurisprudenza).

Stando a Goetschel, nel 2004 l'applicazione delle disposizioni per la tutela degli animali ha subito un notevole peggioramento. Le decisioni giuridiche notificate all'Ufficio federale di veterinaria (UFV) sono scese di 77 unità rispetto al 2003, attestandosi a 453 casi.

Necessari avvocati degli animali

Per il direttore della fondazione questa flessione non è dovuta a una reale diminuzione dei casi, bensì al fatto che molti casi di rilevanza giuridica non sono affrontati con la dovuta serietà.

Spesso – ha aggiunto – le istanze che si occupano di questi fatti non hanno una preparazione adeguata nel settore del diritto degli animali. Queste lacune si potrebbero colmare mediante l'istituzione di un numero maggiore di avvocati degli animali.

La richiesta di Goetschel si basa su una perizia giuridica, ordinata dalla fondazione, sull'applicazione in Svizzera negli ultimi dieci anni delle norme per la protezione degli animali.

Nel canton Zurigo, dove un avvocato degli animali è attivo dal 1993, i casi denunciati sono stati 1000, contro i 495 di San Gallo, i 283 di Argovia, i 250 di Berna e i 242 di Lucerna.

Un abuso su tre non segnalato?

Molti altri cantoni hanno annunciato pochi casi o nemmeno uno alle autorità federali competenti per la raccolta di simili informazioni, ha affermato Gieri Bolliger, responsabile dello studio. Si può dedurre che un abuso su tre non viene segnalato dai cantoni all'UFV.

L'associazione ha anche criticato le lievi pene inflitte alle persone che maltrattano animali. Il raggio d'azione delle punizioni previste dal codice non viene sfruttato appieno. Stando a Goetschel, negli ultimi due anni la pena più pesante comminata è stata una multa di 500 franchi.

Questa situazione deve finire, ha dichiarato. Le autorità devono finalmente avere il coraggio di pronunciare punizioni in rappporto con le sofferenze subite dalle bestie.

Anche le procedure a livello cantonale vanno migliorate. La fondazione ha preso come esempio i numerosi casi di maltrattamenti su animali verificatisi nella Svizzera orientale. La polizia ha macellato parte delle bestie prima che si procedesse alla ricerca delle prove.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

La Fondazione per l'animale nella giurisprudenza ha creato una banca dati con tutte le decisioni penali riguardanti casi di maltrattamenti.
Dal 1982, all'Ufficio federale di veterinaria sono stati annunciati 3'500 casi di maltrattamenti conclusisi con una condanna.
Oltre la metà riguardava animali da allevamento e un terzo circa animali domestici.

Fine della finestrella

In breve

Le rivendicazioni della fondazione giungono nel momento in cui diversi cantoni sono confrontati a dei casi di torture d'animali commessi da uno o più sadici.

Da inizio giugno, una sessantina di bestie (mucche, pecore, asini...) sono stati ritrovati mutilati nei pascoli dell'arco giurassiano o dell'Altipiano.

Questi episodi hanno provocato sgomento nelle campagne. Tuttavia, sembra che solo un terzo dei casi siano opera di un sadico. Gli altri possono essere spiegati con cause naturali.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×