Navigation

La Svizzera potrebbe revocare la nazionalità a un presunto jihadista

La Segreteria di Stato per la migrazione intende togliere il passaporto elvetico a un giovane di 19 anni, sospettato di essere andato a combattere in Siria per l’autoproclamato Stato Islamico. È quanto emerge da un’inchiesta della Radiotelevisione svizzero-tedesca SRF, secondo cui il giovane potrebbe essere già deceduto a Kobané.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2016 - 08:42
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (Telegiornale RSI del'11.05.2016)

Dal 1953, la legge svizzera permette di revocare il passaporto rossocrociato ai cittadini con la doppia nazionalità, il cui comportamento nuoce agli interessi del paese. Finora, tuttavia, una misura simile non è mai stata presa.

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.