Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Multiculturalità La Svizzera parla sempre più lingue

Da paese ufficialmente quadrilingue, la Svizzera si sta trasformando in una piccola Babele, dove idiomi quali l’inglese, il portoghese e l’albanese assumono sempre più importanza. Dal 2000, infatti, la percentuale della popolazione che afferma di non parlare una lingua nazionale come lingua principale è più che raddoppiata. Per lo meno è quanto emerge dalle statistiche. Ma è davvero così? 

Zu den vier Landessprachen der Schweiz gesellen sich neue Idiome,  

Zu den vier Landessprachen der Schweiz gesellen sich neue Idiome,  

(Keystone)

La ripartizione delle lingue nazionali è cambiata molto dagli anni Settanta. Le proporzioni di abitanti che parlano tedesco, italiano e romancio come idioma principiale sono diminuite, mentre è aumentata quella di coloro che parlano francese e una lingua straniera. Un’evoluzione legata all’immigrazione? Sì, ma non solo.

La presenza sempre più forte di lingue straniere è legata anche al modo in cui l’Ufficio federale di statistica raccoglie e analizza i dati sul tema. È infatti solo dal 2010 che gli intervistati possono indicare una o più lingue principali. Ciò malgrado, la proporzione di lingue straniere parlate in Svizzera ha continuato a crescere anche dopo il 2010.

chart1

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Inglese e portoghese, sempre più presenti

Le lingue straniere più frequenti in Svizzera sono l’inglese e il portoghese, seguite dall’albanese, mentre lo spagnolo ha perso terreno. Con il suo statuto di lingua internazionale, l’inglese è ampiamente diffuso in tutte le regioni del paese.

Al lavoro, il tedesco prima dell’inglese

La maggior parte dei lavoratori – per lo meno da un punto di vista statistico – è inserito in un contesto nel quale il dialetto svizzero-tedesco è la lingua predominante (42% dei casi circa). Le abitudini linguistiche però evolvono: La comunicazione passa anche dal “buon tedesco” e dall’inglese. 

Chart3

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.


swissinfo IT

swissinfo.ch

×