Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Sniffatori in crescita sulle strade elvetiche

La cannabis resta in testa fra gli utenti della strada risultati positivi ai test antidroga in Svizzera. Ma la cocaina è in forte progressione, secondo quanto emerge dal primo studio nazionale in questo campo. Nel 35% dei casi, le analisi sono state eseguite a seguito di un incidente stradale.

Condotta dal Centro universitario romando di medicina legale, la ricerca ha preso in esame i 4'794 casi di conducenti controllati e sospettati di aver consumato sostanze stupefacenti illegali dal 2005. Dal primo gennaio di quell'anno, sulle strade svizzere vige la tolleranza zero in materia.

Una o più sostante psicoattive sono state individuate nell'89% dei campioni di sangue analizzati. Con il 48% dei casi, la cannabis è risultata la più frequente, davanti alla cocaina con il 25%, agli oppiacei con il 10%, alle anfetamine con il 7%, alle benzodiazepine con il 6% e al metadone con il 5%. Il superamento dei limiti per il consumo di alcool è stato riscontrato nel 35% dei casi.

Queste proporzioni sono simili a quelle emersi in uno studio simile, di portata più ridotta, condotto negli anni 2002-2003, con un'unica eccezione: la cocaina, per la quale si è registrata una vera impennata. Allora il consumo di polvere bianca riguardava il 13% dei casi, contro il 25% risultato dalla nuova ricerca nazionale.

swissinfo.ch e agenzie


Link

×