Il coronavirus e Jair Bolsonaro, una telenovela alla brasiliana

Nonostante la disastrosa situazione sanitaria nel Paese, una seguace di Jair Bolsonaro manifesta il suo sostegno al presidente brasiliano in una marcia a Brasilia. La donna indossa una mascherina di protezione su cui è stampata l'effigie di Bolsonaro. Keystone / Joedson Alves

Capitano Coronavirus. Oppure Trump Tropical. I due soprannomi che il popolo brasiliano ha affibbiato al proprio presidente Jair Bolsonaro potrebbero essere il titolo della tragicomica soap opera in corso in Brasile. E gli svizzeri che vivono nel Paese sudamericano non sanno più se ridere o piangere al riguardo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2020 - 11:00

Non si può dire che dall'inizio della crisi del coronavirus Jair Bolsonaro sembri un modello. Molto attendista nella gestione della pandemia, ha lasciato ai governatori degli Stati brasiliani il compito di prendere misure che oggi egli critica apertamente. Nel frattempo, ha licenziato due volte il suo ministro della sanità mentre il ministro della giustizia ha sbattuto la porta.

Uno scenario americano

Come negli Stati Uniti Donald Trump, di cui è un fervente ammiratore, il presidente brasiliano inizialmente ha minimizzato la gravità della crisi incombente. Chiamandola "gripette" in diverse occasioni, a metà marzo non aveva ancora ordinato misure importanti per arginare la diffusione del virus.

Contenuto esterno

Di fronte a questa inazione, i governatori dei vari Stati che compongono il quadro amministrativo del Brasile hanno preso in mano la situazione.

Marcio Folly, 62 anni, è uno svizzero-brasiliano nato a Nova Friburgo. Professore universitario in microbiologia veterinaria nel nord-est dello Stato di Rio. I suoi figli vivono in Svizzera, dove lui rende loro visita più volte all'anno. swissinfo.ch

Nello stato di Rio, "si vedevano problemi in arrivo già ai primi di marzo", racconta a swissinfo.ch Marcio Folly, uno svizzero-brasiliano che vive nel nord della regione. "Lo Stato ha perciò deciso di chiudere commerci, scuole, teatri e cinema. Ha anche imposto l'uso della mascherina di protezione". Secondo le sue informazioni, sono stati costruiti sette ospedali da campo, ma "manca il materiale. Conseguenza: il personale sanitario si ammala a sua volta e muore. È il serpente che si morde la coda".

Ana e André sono entrambi in pensione e vivono nello Stato del Minas Gerais. Anche lì, il governatore ha rapidamente dichiarato lo stato di emergenza e ha imposto misure analoghe, nonché il confinamento e il distanziamento fisico. "Esco molto poco, dice Ana, è il mio compagno che va in città, per proteggermi". André afferma: "Fortunatamente, alcuni governatori hanno preso misure serie, anche se sono arrivate un po' in ritardo". Quindi aggiunge che "la lotta tra i governatori degli Stati e il governo è la stessa di quella che si osserva negli Stati Uniti".

Ana (82 anni) e André (74 anni) vivono nello Stato del Minas Gerais (sud-est) dal  2012, dopo aver trascorso sei anni in Argentina. Prima del pensionamento, Ana lavorava come  operatrice sociale a Chêne-Bougeries, nel cantone di Ginevra, e André era ingegnere. 

End of insertion

I fatti lo dimostrano. Come il presidente Trump, Jair Bolsonaro rimette regolarmente in questione pubblicamente il confinamento e si oppone al blocco delle attività economiche non essenziali imposto da diversi Stati. "Martedì ha pubblicato un decreto in base al quale parrucchieri, saloni di bellezza e centri sportivi potevano riprendere le attività", spiega Marcio Folly. Ma gli Stati hanno risposto che non lo avrebbero applicato. Stiamo assistendo a una lotta incessante".

Una crisi sanitaria e politica

Il 18 maggio, il Brasile censiva ufficialmente 230'000 casi di infezioni da coronavirus e varcava la soglia di 15'000 morti. Ma il Paese non ha i mezzi per testare tutta la popolazione, soltanto le persone ricoverate in ospedale lo sono. Questo è il motivo per cui, secondo uno studio pubblicato il 6 maggio da ricercatori brasiliani, il numero di casi di contaminazione ammonterebbe in realtà a 1,6 milioni, ossia quindici volte più dei dati ufficiali.

Di fronte all'ampiezza della crisi sanitaria, la disinvoltura di Jair Bolsonaro è mal accettata. Ai vertici dello Stato regna un clima deleterio. Dopo essersi messo contro la maggioranza dei governatori, il presidente è criticato da tutta la classe politica per le sue azioni e il suo atteggiamento. Compresa l'estrema destra.

Per André, "anche il governatore e il prefetto di Rio sono di estrema destra, e inizialmente erano a favore di Jair Bolsonaro. Oggi sono in assoluto disaccordo con lui". Janaina Paschoal, deputata regionale dello Stato di San Paolo e un tempo considerata come papabile vicepresidente, ha sconfessato il presidente e, secondo il quotidiano francese Le Monde, avrebbe affermato: "Questo signore deve lasciare la presidenza della Repubblica", denunciando un " crimine contro la sanità pubblica".

In questo contesto, anche il popolo dubita sempre di più. "Alcuni nostri conoscenti erano grandi seguaci di Jair Bolsonaro. Oggi, persino queste persone hanno un'opinione più riservata ", dicono Ana e André. Secondo loro, "solo il 35% dei brasiliani, di tutte le classi, è ancora favorevole al presidente".

Didier Mittaz (55 anni) e la moglie Lisa hanno aperto una pousada nel 2013 a Porto de Pedras nello Stato d’Alagoas. In precedenza entrambi hanno lavorato nel settore turistico in Svizzera. Sognavano di realizzare insieme un progetto che unisse l'utile al dilettevole. Didier Mittaz

Didier, uno svizzero residente nel piccolo Stato di Alagoas (estremo oriente), non è tenero nei confronti della classe politica brasiliana: "Qui, i politici sono al potere per derubare la gente, non per governare. Dopo la disfatta del Partito dei lavoratori, che non ha fatto assolutamente nulla per il Paese [partito dei due precedenti presidenti Lula Da Silva e Dilma Rousseff, NdR.], con Jair Bolsonaro sembrava che soffiasse un nuovo vento. La gente ora si rende conto che non c'è alcuna differenza".

L'economia soffre

Il governo ha previsto di iniettare 147 miliardi di reais (poco più di 24 miliardi di franchi svizzeri) per sostenere l'economia, ma Didier sa "che come indipendente non riceverà alcun aiuto dal governo". Nella sua pousada (una pensione), impiega otto persone. "Ricevono un aiuto sociale di 600 reais al mese e noi completiamo con altri 400".

"Noi abbiamo la fortuna di vivere con poco, senza debiti, possiamo resistere dai sei agli otto mesi senza clienti. Ma qui la gente non ha risparmi, vive giorno per giorno. E questa mentalità causerà rapidamente grossi problemi".

André si dice "molto preoccupato per la situazione a San Paolo, dove moltissime persone hanno perso il lavoro". Ha seri dubbi sul pagamento dell'aiuto sociale annunciato dal governo.

In particolare, i lavoratori domestici stanno pagando il prezzo della crisi. In Brasile ve ne sono più di sei milioni. Se taluni hanno potuto mantenere il lavoro, la maggior parte è stata licenziata in tronco. Questi posti di lavoro precari sono spesso occupati da madri single o persone che vivono nelle favelas. Ora sono confrontate con la miseria e l'aumento del rischio di contaminazione. "Nelle favelas, le persone vivono una sopra l'altra in grande povertà. Inoltre, i brasiliani hanno l'abitudine di avere contatti fisici in continuazione, il che non aiuta", afferma Marcio Folly.

Nessuna tregua per la foresta pluviale amazzonica

Il professore universitario di microbiologia aggiunge: "Per la foresta pluviale e le popolazioni indigene, questa crisi è un disastro". Secondo il sistema di allarme satellitare dell'Istituto nazionale di ricerca spaziale del Brasile (INPE), la deforestazione è aumentata del 30% nel marzo 2020 rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

Dall'inizio della pandemia, la polizia ambientale ha ridotto le sue pattuglie al minimo indispensabile. Ufficialmente, sarebbe allo scopo di proteggere i suoi agenti. Per le ONG, sarebbe piuttosto una manovra da parte del governo brasiliano, scettico sul clima, per facilitare lo sfruttamento della foresta.

A Manaus, la capitale dello Stato di Amazonas (il più esteso del Brasile, nel nord-ovest), il sindaco, in lacrime, ha lanciato un disperato appello a Greta Thunberg: "Abbiamo bisogno di aiuto. Dobbiamo salvare le vite dei protettori delle foreste, salvarle dal coronavirus".

"In queste zone remote, i servizi sanitari sono completamente oberati e la malattia è una grande minaccia per gli indigeni", lamenta Marcio Folly.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo