Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Svizzeri all'estero La storia dello svizzero "ministro dei fiori" in Bulgaria

Nel centro della città bulgara di Plovdiv c'è ancora oggi il parco creato dallo svizzero Lucien Chevallaz, così come la sua statua.

(zvg)

C'è un'impronta svizzera nella città di Plovdiv, nella Bulgaria meridionale: la lasciò un secolo fa il giardiniere paesaggista vodese Lucien Chevallaz, che introdusse moderne tecniche orticole e nuove piante.

Quando nel 1879 Lucien Chevallaz si recò a Plovdiv, che all'epoca era ancora nota come Filippopoli, non era spinto dall'avventura o dal romanticismo balcanico.

A differenza di molti emigranti svizzeri del suo tempo, non era alla ricerca di una vita migliore, spinto dalla povertà. A 39 anni, Chevallaz era già un ricercato giardiniere paesaggista e Plovdiv un'ulteriore tappa della sua promettente carriera.

Capitale europea della cultura 2019

Plovdiv è considerata una delle città più antiche d'Europa, in base ai ritrovamenti risalenti al VI secolo avanti Cristo. Traci, macedoni, romani, bizantini, ottomani: molti popoli vi hanno lasciato la loro impronta.

Insieme alla città di Matera, Plovdiv è stata designata Capitale europea della culturaLink esterno per il 2019. Nata nel 1985, questa iniziativa dell'Unione europea mira tra l'altro a "mettere in luce la ricchezza e la diversità delle culture" dei suoi Stati membri, "celebrare le caratteristiche culturali condivise da tutti gli europei" e promuovere il contributo della cultura allo sviluppo delle città". Finora oltre cinquanta città hanno ottenuto questo riconoscimento.

Fine della finestrella

Lo svizzero arrivò in una città in cui regnava grande eccitazione. Plovdiv era il centro della Rinascita Nazionale bulgara, il movimento che combatteva contro il dominio straniero ottomano e per la creazione di uno Stato indipendente.

Sebbene Sofia fosse la città più grande – e più tardi divenne la capitale della Bulgaria riunificata – Plovdiv fu teatro dei più importanti sviluppi religiosi ed educativi.

Nei decenni successivi, Chevallaz segnò la città e tutto lo Stato appena fondato, non solo esteticamente, ma anche in termini pratici.

Non fu l'unico svizzero a contribuire all'edificazione del giovane Stato nazionale bulgaro: numerosi architetti, ingegneri e giardinieri furono invitati dalla corte a costruire strade, edifici e giardini. La nuova Bulgaria doveva avere un aspetto moderno ed europeo.

Corteggiato dalle… corti

Lucien Nehémie Chevallaz nacque il 26 agosto 1840 nella casa dei genitori alla periferia di Montherod, un piccolo villaggio a ovest di Losanna. Era il nono di undici figli del contadino Marc Antoine Chevallaz e di sua moglie Jeanne Françoise.

Lucien Chevallaz a mezzo busto

Lucien Nehémie Chevallaz, foto non datata.

(zVg)

Dopo aver probabilmente fatto le sue prime esperienze come giardiniere a Ginevra, Lucien Chevallaz studiò ingegneria a Parigi, specializzandosi in orticoltura decorativa e pianificazione di parchi.

Grazie ai suoi ottimi voti, trovò lavoro nel Giardino delle Tuileries, nel cuore di Parigi. Per cinque anni fu uno dei principali giardinieri di corte, nei parchi e giardini maestosi dell'imperatore francese Napoleone III.

Lo svizzero si trasferì quindi in Brasile. Nel paese sudamericano introdusse le tradizioni europee nella progettazione di parchi e nella cultura arborea e forestale, studiò le specie arboree e floreali locali e diventò profondo conoscitore della ricca flora amazzonica. Riunì così le conoscenze specialistiche che avrebbe poi utilizzato a Plovdiv, come sottolineato dallo storico tedesco dei giardini Michael Schwahn in una biografia inedita del vodese.

Intorno al 1875 Chevallaz giunse a Costantinopoli (oggi Istanbul), dove entrò al servizio del sultano Abdülaziz come giardiniere di corte. Rimase alla corte ottomana per diversi anni e frequentò le più alte cerchie sociali. Lì incontrò anche il principe bulgaro Aleksandar Bogoridi, che lo chiamerà a Plovdiv.

Grande riconoscimento

Nell'allora capitale del Principato indipendente della Rumelia orientale Lucien Chevallaz fu assunto come responsabile dei giardini cittadini e dei parchi pubblici. Le aree verdi urbane e i viali alberati che creò esistono ancora oggi e per i residenti rappresentano tuttora un fresco rifugio nelle calde giornate estive.

vecchia cartolina sulla quale è raffigurato il parco

Cartolina del "Giardino zar Simeone" (preparato per la prima Esposizione bulgara dell'agricoltura e dell'industria del 1892), vista sul lato est della piazza centrale.

(Hrsg. Marinov/Moderno iskustvo, um 1910, aus: "Plowdiw einst und jetzt", Plowdiw 2005)

Tramite un intervento di un'incomparabile ampiezza, riuscì persino ad ottimizzare il microclima vicino alla città. A Plovdiv e dintorni ci sono sei colline, alcune delle quali all'epoca erano spoglie. In piena estate, di notte sprigionavano un calore insopportabile accumulato di giorno.

Egli combatté questo problema con la piantagione mirata di alberi, che impedivano anche l'erosione del suolo e creavano aree ricreative in prossimità delle città. Più tardi si aggiunsero i giardini Zar Simeon e Dondukov nel centro città.

Per i numerosi parchi, viali e altre opere di rinverdimento, tuttavia, erano necessari alberi e altri vegetali coltivati su larga scala. Chevallaz propose al consiglio comunale di creare un vivaio.

Si trattava di un concetto ancora sconosciuto nel giovane Stato bulgaro. All'intero paese furono quindi fornite piantine provenienti da quel vivaio. In seguito, Chevallaz ne creerà altri in varie città della Bulgaria. In quei vivai furono coltivate piante rare importate dall'estero che sopportavano il clima locale e distribuite nel paese.

Nel 1901 Chevallaz, che godeva già di grandi riconoscimenti, ricevette la cittadinanza bulgara e fu nominato cittadino onorario di Plovdiv. A quel tempo non solo ebbe una forte influenza sulla città con i suoi vasti parchi, ma fu anche attivo in tutto il paese su mandato della Corte e delle autorità locali.

Quando morì nel 1921, Chevallaz fu sepolto con tutti gli onori nella sua nuova patria, a Plovdiv, nel cimitero cattolico. Lo svizzero che aveva introdotto i crisantemi nei Balcani, già da lungo era soprannominato "le ministre des fleurs" (ministro dei fiori).

Targa ricordo per Lucien Chevallaz, in diverse lingue.

Targa ricordo trilingue che rende omaggio a Lucien "Schevalas" a Plovdiv.

(zVg)

swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.