Traffico aereo, un settore vitale per la Svizzera

L'aviazione è un settore importante dell'economia elvetica Keystone Archive

La salute dell'economia svizzera dipende anche da una buona infrastruttura per il traffico aereo e dalla rete di collegamenti con tutto il mondo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2006 - 07:34

Al primo congresso del settore a Zurigo, il presidente della Confederazione Moritz Leuenberger ha evocato le tensioni fra Berlino e Berna per il sorvolo del territorio tedesco per gli aerei diretti a Zurigo-Kloten.

«La nostra forte capacità di produzione non potrebbe essere tale senza il trasporto aereo» hanno dichiarato numerosi rappresentanti d'impresa durante il primo congresso sul traffico aereo di Zurigo-Kloten, al quale hanno partecipato più di 350 personalità elvetiche del mondo politico ed economico.

Rapporti con l'estero

Per la Svizzera, il settore dell'aviazione occupa un posto di primaria importanza, visto che l'economia nazionale è fortemente dipendente dai suoi rapporti con l'estero.

Oltre il 30% del valore totale dei beni esportati e il 15% circa di quelli importati sono infatti trasportati per via aerea.

In un comunicato diffuso martedì, economiesuisse, l'organizzazione mantello delle imprese elvetiche, rende noto che il settore ha fruttato più di 26 miliardi di franchi nel 2004, mentre le persone che lavorano direttamente o indirettamente nell'aviazione sono circa 180'000.

Molteplici vantaggi

Il ruolo dell'aviazione come elemento importante per l'economia elvetica è stato sottolineato da numerosi oratori. Per i rappresentanti del settore occorre perciò fornire al settore dell'aviazione una buona infrastruttura oltre che dei collegamenti europei e intercontinentali ottimali con i maggiori poli economici mondiali.

Da ciò potrebbero trarre vantaggio non solo le ditte elvetiche che fanno affari all'estero, ma anche le società straniere, per cui potrebbe diventare più attrattivo stabilire una filiale sul territorio della Confederazione.

Nel comunicato di economiesuisse, si sottolinea però che anche il turismo avrebbe tutto da guadagnare dai buoni collegamenti aerei con la Svizzera, visto che un visitatore su tre giunge nella Confederazione per via aerea. Senza contare i viaggi d'affari, che rappresentano una parte importante degli spostamenti da un paese all'altro e per i quali dei collegamenti diretti e veloci si rivelano indispensabili.

Potenziare il settore

Durante il congresso, i rappresentanti dell'industria aeronautica hanno chiesto alla Confederazione di migliorare le condizioni quadro nel settore, in modo da potenziare in modo durevole la sua competitività.

«In passato, il nostro paese ha occupato una buona posizione in ambito d'aviazione; oggi l'economia non può che trarre dei vantaggi nel ritrovare e potenziare quella posizione», si legge nella nota di economiesuisse.

Durante il congresso, il presidente della Confederazione Moritz Leuenberger si è inoltre espresso sulle restrizioni di volo introdotte dalla Germania per i voli che atterrano e decollano a Zurigo-Kloten.

Nel suo intervento, il ministro dei trasporti ha affermato che si aspetta dalla Germania una volontà di intraprendere delle discussioni. Un atteggiamento differente comprometterebbe i buoni rapporti fra vicini e sarebbe difficilmente capito dalla Svizzera.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Il traffico aereo dà lavoro complessivamente a 180.000 persone in Svizzera.
Questo settore economico ha generato nel 2004 un valore di 26 miliardi di franchi.
L'aereo è il mezzo di trasporto su cui viaggia oltre il 30% del valore di tutte le merci esportate e il 15% di quelle importate.

End of insertion

In breve

Il contenzioso tra Svizzera e Germania sul sorvolo del territorio tedesco per gli aerei in fase di avvicinamento all'aeroporto di Zurigo risale al 1998.

Le limitazioni proposte da Berlino erano state bocciate dal parlamento svizzero, inducendo la Germania ad adottare misure unilaterali più restrittive.

Al primo congresso sul traffico aereo di Zurigo, il presidente della Confederazione Moritz Leuenberger ha esortato la Germania a mostrare maggiore disponibilità.

Altrimenti, il contenzioso sull'aeroporto potrebbe minare le relazioni fra i due paesi, che oggi sono ancora buone e molto strette.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo