Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Una medicina per le regioni di montagna

Il laboratorio dell'Istituto alpino di fitofarmacologia di Olivone

(swissinfo.ch)

Dalle erbe medicinali alla medicina forense: le ricette di Olivone - comune dell'alto Ticino - per frenare lo spopolamento delle regioni di montagna.

Le attività di quella che oggi è la Fondazione Alpina per le Scienze della Vita, spaziano dalla fitofarmacologia alla formazione, fino alle ricerche e alle analisi per la polizia e la magistratura.

Da quando, nel 1997, era stata creata l'Associazione buone erbe ticinesi per contribuire al rilancio economico nelle regioni di montagna, di passi ne sono stati compiuti davvero tanti in Valle di Blenio.

E sulle orme di quei passi non sono impresse solo competenze, passione e ideali, ma anche una storia di amicizia. Come quella tra i biologi e i ricercatori Ario Conti e Gianni Soldati.

Nel ricordare, un po' a passo di corsa, come è nato il progetto di rilanciare da Olivone la coltivazione delle piante medicinali, davanti agli occhi del biologo Ario Conti è come se corressero le immagini di un film. E sul filo della memoria si intrecciano numerosi ricordi.

Fino ad arrivare al presente, con l'apertura progressiva di un laboratorio di chimica e tossicologia forense. Insomma una sorta di CSI ("Crime scene investigation", titolo della serie televisiva poliziesca di grande successo) ad alta quota e in una regione periferica.

Dalla Cooperativa alla Fondazione

"In tutti questi anni le nostre attività non sono solo cresciute – racconta a swissinfo Ario Conti – ma sono diventate anche più complesse ed impegnative. A tal punto che abbiamo dovuto dotarci di strutture organizzative e giuridiche più adeguate".

"Era infatti impensabile continuare sotto il cappello della COFIT , ossia la Cooperativa per le piante medicinali ed i fitoprodotti ticinesi, oppure dell'Istituto alpino di fitofarmacologia, nato nel 2003 con l'obiettivo di centralizzare ricerca, formazione e consulenza scientifica".

D'accordo con il Cantone e la Confederazione, particolarmente interessati alle nuove potenzialità di sviluppo, è stata così creata nel 2005 la Fondazione Alpina per le Scienze della Vita, presieduta dal ricercatore e biologo Gianni Soldati e che funge da organizzazione mantello di tutte le attività.

"Questa fondazione, nata nel quadro della Nuova Politica Regionale (NPR), ha un carattere intercantonale. E il suo compito fondamentale – precisa Soldati – è appunto quello di coordinare le attività attuali e future sia nel campo della ricerca, sia in quello della formazione".

Punto di riferimento europeo

La Fondazione permetterà inoltre di rafforzare la fitta rete di collaborazioni internazionali che i due ricercatori hanno pazientemente tessuto nel corso degli anni. A conti fatti si tratta insomma di gestire una vera e propria montagna di lavoro mantenendo alto il livello.

La qualità di quanto fatto finora a Olivone nell'ambito della ricerca scientifica si misura del resto anche negli accordi europei, stipulati recentemente.

L'Istituto Alpino per le Scienze della Vita e l'Università dell'Insubria di Varese hanno infatti siglato un accordo di collaborazione scientifica e didattica con il Ministero italiano dell'Istruzione, delle Università e della Ricerca di Roma.

L'accordo prevede la costituzione di un network internazionale tra gruppi di ricerca con l'obiettivo di affrontare in maniera razionale e integrata lo studio farmacotossicologico delle piante medicinali. Si inseriscono, quali partner, anche l'Università di Heidelberg, l'Università di Zurigo e la Haute École Valaisanne di Sion.

Non solo erbe e cacao...

Nel piccolo laboratorio di Olivone non c'è spazio solo per le erbe, che pure hanno un posto privilegiato. Dal primo gennaio di quest'anno un giovane biologo è impegnato in una singolare ricerca: scoprire quali sono gli effetti di diverse forme di cacao su alcuni parametri legati al sistema immunitario dell'essere umano.

Un'idea nata dalla passione e dall'interesse di un produttore svizzero di cioccolato che si è rivolto all'Istituto bleniese affinché si indagasse sui benefici del cioccolato, di cui oggi si vantano proprietà antidepressive e antiossidanti.

Altra novità, dal primo gennaio 2006, l'inizio dell'attività analitica di chimica e tossicologica forense grazie all'ASSOFOR (Associazione ticinese di chimica, tossicologia e genetica forense, nata nel 2004), che garantisce un servizio di analisi nel quadro di inchieste di polizia e della magistratura.

"Con questa iniziativa – precisa Gianni Soldati, che dirige a Lugano il laboratorio di diagnostica molecolare – vogliamo anche creare dei posti di lavoro in Ticino e mantenere nel cantone delle conoscenze scientifiche e delle competenze di alto livello".

"Ed è chiaro che a Olivone, dove nei prossimi mesi sorgerà anche la nuova sede della Fondazione, di movimento ce ne sarà di più. E non solo per l'aumento del via vai della polizia presso i nostri laboratori".

swissinfo, Françoise Gehring, Olivone

Fatti e cifre

1996: riparte la coltivazione delle piante medicinali a cui si affiancano formazione e analisi di laboratorio
2000: nasce la Cooperativa per le piante medicinali e i fitoprodotti ticinesi (lanciati sul mercato, successivamente, tisane, caramelle, olio alle erbe)
2003: nasce l'Istituto alpino di fitofarmacologia (IAF) che nel 2004 ottiene la certificazione "swissmedic"
2005: nuovo tassello nella formazione con il diploma cantonale di fitoterapista

Fine della finestrella

In breve

Il progetto, che ha portato alla costituzione della Fondazione alpina per le Scienze della vita, riqualifica e valorizza il territorio della Regione Tre Valli attraverso la creazione, il potenziamento e la diversificazione di una scuola altamente qualificata.

Oltre a costituire un'innovazione, l'iniziativa rappresenta un vero e proprio modello di sviluppo territoriale per le regioni periferiche, contribuendo a creare e mantenere posti di lavoro di qualità e cercando di contrastare lo spopolamento e la fuga di cervelli da queste zone.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza