Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Iniziativa per la bici


Il potere del popolo passa dai pedali







 Altre lingue: 6  Lingue: 6
I fautori della promozione della bici sperano che governo e parlamento appoggino l'iniziativa. (pro-velo.ch)

I fautori della promozione della bici sperano che governo e parlamento appoggino l'iniziativa.

(pro-velo.ch)

I promotori dell’iniziativa popolare “per la bici” vogliono che la Confederazione si impegni di più per rendere l’uso delle due ruote più sicuro e attrattivo. In che modo la montagnosa svizzera può trasformarsi in un paradiso per gli appassionati di bici?

Spetterà probabilmente al popolo decidere il futuro della bicicletta in Svizzera. A inizio marzo, i promotori dell’iniziativa "per la bici" hanno infatti consegnato alla Cancelleria federale le 100mila firme necessarie.

Lanciata da Pro Velo Svizzera, l’iniziativa popolare “per la bici” ha raccolto complessivamente 121mila sottoscrizioni. Poco più di 105mila sono state consegnate alla Cancellerie federale a inizio marzo 2016.

Dopo il dibattito in parlamento, il governo dovrà fissare una data per sottoporre il testo a votazione popolare.

Attualmente vi sono oltre venti iniziative popolari pendenti. 

Attualmente non esistono dati esaustivi sulla rete di piste ciclabili in Svizzera, fatta eccezione per i percorsi promossi a livello turistico.

Ciò malgrado, i sostenitori della mobilità a due ruote concordano che la Svizzera può fare di più per promuovere l’uso della bicicletta, in particolare nelle regioni francofone e italofone, dove la maggior parte della popolazione preferisce ancora spostarsi in automobile. 

“C’è una mentalità diversa rispetto alla Svizzera tedesca, anche se le cose stanno lentamente cambiando”, afferma Jean-François Steiert, presidente di Pro Velo Svizzera e deputato in parlamento per il Partito socialista. Steiert sottolinea in particolare i progressi registrati negli ultimi anni a Losanna e in alcune cittadine vicine al confine con la Francia, dove i bisogni dei ciclisti sono stati presi maggiormente in considerazione nella pianificazione urbana.

Membro del comitato d’iniziativa, il deputato Marco Romano (PPD, centro) ammette che il suo cantone - il Ticino - è rimasto parecchio indietro. Per quanto riguarda la mobilità dolce, ha lo statuto di “un paese in via di sviluppo”, scherza Romano, sottolineando la necessità di investire maggiormente nelle infrastrutture per i ciclisti, anche a scopo turistico.

Non solo piste ciclabili

Rispetto a paesi come l’Olanda o la Danimarca, la topografia della Svizzera non è certo favorevole ai ciclisti che non amano inerpicarsi sulle colline. Solo un terzo del territorio è infatti pianeggiante.

Per quanto riguarda le infrastrutture per i ciclisti, la Svizzera si situa nella media rispetto alla maggior parte dei paesi, ma vi è un notevole potenziale di sviluppo. Una persona su dieci lavora nel raggio di 5 km dalla sua abitazione, una distanza ideale per gli spostamenti in bicicletta, afferma Steiert.

Promuovere l’uso della bici non significa però unicamente costruire delle piste ciclabili qua e là, ma anche prevedere parcheggi a sufficienza, zone a traffico limitato (30 km/h), piste veloci e lente, meno semafori. Più in generale la pianificazione urbana dovrebbe tenere maggiormente in considerazione i bisogni dei ciclisti.

Nuove possibilità con le e-bike

Anche Evi Allemann, presidente dell’Associazione traffico e ambiente (ATA) , ritiene che ci sia un grande potenziale di sviluppo nelle aree urbane pianeggianti. “Sono necessarie piccole e grandi misure per rendere più attrattivo l’uso della bicicletta”, afferma la deputata socialista, sottolineando che la chiave è la messa a disposizione delle infrastrutture necessarie.

Ovviamente chi abita in zone collinari incontra maggiori difficoltà, ma la popolarità delle biciclette elettriche ha aperto nuovi orizzonti. “Si possono scalare montagne con le e-bike”, afferma Steiert.

I promotori dell’iniziativa per la bici chiedono di iscrivere nella Costituzione la promozione delle piste ciclabili e delle infrastrutture necessarie su tutto il territorio nazionale, un po’ come accade per i sentieri alpini. Stando all’Ufficio federale di topografia, la Svizzera conta attualmente una rete di sentieri di montagna di circa 24mila chilometri.

Sostegno da destra a sinistra

I promotori dell’iniziativa per la bici hanno impiegato otto mesi - sui 18 previsti - per raccogliere le 100mila firme necessarie. Il testo è sostenuto da esponenti della sinistra e del centro-destra.

Daniel Bachofner afferma che la reazione della popolazione è stata molto favorevole. “La nostra proposta risulta abbastanza ragionevole anche agli occhi degli automobilisti. Abbiamo cercato di spiegare che è anche nel loro interesse avere meno biciclette sulla strada”, dice il leader della campagna. 


(Traduzione dall'inglese, Stefania Summermatter)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×