Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Convento di Fahr Suore, che forza!

Nel monastero di Fahr vivono ancora 20 donne. Ma il futuro delle monache benedettine è incerto - mancano le giovani leve. Le suore chiedono più uguaglianza nella Chiesa cattolica.

Il monastero di FahrLink esterno è stato fondato nel 1130 ed esiste ancora oggi. Ma nel 2017 fra le monache dell'Ordine di San Benedetto in Svizzera c'era una sola novizia. Il futuro del monastero di Fahr è quindi incerto.

Al pari di altre monache, anche alcune suore del monastero Fahr (canton Argovia) criticano il ruolo delle donne nella Chiesa cattolica e chiedono una maggiore partecipazione. "La Chiesa cattolica ha un futuro solo se è portata e guidata da donne e uomini insieme", dice, ad esempio, la priora Irene. Nel Medioevo, i monasteri erano l'unico modo per le donne di ottenere un po' di indipendenza e libertà. Allo stesso tempo la gerarchia cattolica era ed è molto patriarcale.

Un diario di vita monastica

In un libroLink esterno appena pubblicato, le monache del monastero di Fahr raccontano la loro vita. È un'esistenza molto strutturata: il giorno inizia alle 4.50 del mattino e prosegue seguendo scadenze fisse fino a sera. La vita è governata dalle severe regole dell'Ordine. Quando entrano nel monastero, ad esempio, le donne abbandonano il loro vero nome e ne ricevono uno nuovo. Nel libro le suore raccontano come sono arrivate a compiere il passo radicale di entrare nel monastero in giovane età.

Il libro viene pubblicato in occasione dell'888° anniversario del monastero di Fahr. La decisione di pubblicare un libro con immagini della loro vita nel monastero è stata presa all'unanimità dalle donne. La partecipazione era volontaria

Il monastero di Fahr fu fondato nel 1130. Il convento femminile forma insieme al convento maschile di Einsiedeln un doppio monastero benedettino. Il convento di Fahr si trova nel cantone di Argovia, ma è circondato dal comune zurighese di Unterengstringen, nelle immediate vicinanze della città di Zurigo. È noto per la produzione di particolari tessuti sacrali e per l'agricoltura e la viticoltura.

Fine della finestrella