Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Crisi dei media Sciopero senza precedenti all'agenzia di stampa svizzera ATS

streik

Oltre 200 persone sono scese in strada a Berna per opporsi alla ristrutturazione che colpisce duramente l'agenzia di stampa nazionale svizzera ATS.

(Thomas Kern/swissinfo.ch)

I giornalisti dell'Agenzia Telegrafica Svizzera (ATS) hanno incrociato le braccia per tre ore martedì pomeriggio a Berna. Si oppongono al taglio di oltre 35 posti di lavoro su un totale di 180 nell'agenzia di stampa nazionale trilingue. Un'agitazione collettiva che costituisce una prima assoluta nei suoi 125 anni di esistenza.

Per la prima volta nella loro storia, e sotto l'occhio vigile di molte telecamere, i giornalisti dell'ATS sono usciti dall'ombra e dalla loro solita riserva per manifestare contro le misure di ristrutturazione che colpiscono duramente l'agenzia di stampa nazionale.

video TG RSI 23.01.18

video

Al suono di fischietti, muniti di alcuni cartelloni e scandendo ogni tanto qualche slogan come "ATS rattristata", più di 200 persone, tra cui un centinaio di giornalisti dell'ATS, si sono riunite martedì alle 14:00 davanti alla sede dell'agenzia a Berna.

tweet Samuel

tweet con video della manifestazione

I dimostranti si sono poi diretti verso un ristorante nelle vicinanze, dove diverse personalità di spicco della politica e della cultura svizzere, tra cui l'ex vice-cancelliere della Confederazione Oswald Sigg e lo scrittore Alex Capus, hanno preso la parola in difesa degli scioperanti. Gli oratori hanno denunciato un attacco "inaccettabile" e "scandaloso" contro questa istituzione, che ritengono indispensabile per la coesione nazionale e la formazione di una opinione indipendente nel sistema svizzero di democrazia diretta.

streik

L'Agenzia Telegrafica Svizzera è un pilastro dell'informazione nella Confederazione-

(Thomas Kern/swissinfo.ch)

Situazione difficilissima

Lo "sciopero di avvertimento", che potrebbe essere seguito da altre azioni di lotta, è la conseguenza dell'annuncio della direzione dell'ATS, due settimane fa, di una ristrutturazione nel corso dei prossimi due anni, che porterà alla soppressione di 35-40 posti di lavoro su un totale di 180.

La direzione dell'ATS giustifica il piano di risparmio con la situazione molto difficile nel settore dei media svizzeri. Nonostante il rinnovo dei contratti dei principali clienti, che sono anche proprietari dell'agenzia (gran parte dei quotidiani, radio e TV del paese), per l'esercizio 2018, l'ATS prevede un calo del fatturato di 3,1 milioni di franchi a 29,5 milioni di franchi (-9,6%).

"Non contestiamo le difficoltà economiche che affronta l'ATS e la necessità di ripensare il modo di produrre le informazioni. Ma invece di fare una riflessione approfondita, la direzione opera un drastico e brutale taglio degli effettivi che mette a repentaglio l'esistenza stessa dell'agenzia", denuncia Antoinette Prince, giornalista e membro della Commissione di redazione dell'ATS.

Direzione inflessibile

Riducendo la sua offerta, l'ATS diventerà ancora meno attrattiva per i media svizzeri e rischia di avere ancora più difficoltà a vendere i suoi abbonamenti, dice Antoinette Prince. "Questo è l'inizio dello smantellamento completo dell'ATS. Siamo già stati informati di una nuova ondata di licenziamenti quando tra qualche mese sarà attuata la fusione con Keystone" [vedi finestrella], si preoccupa la rappresentante del personale.

I giornalisti dell'ATS sono molto scossi di fronti al modo in cui agisce la direzione. Lo sciopero è stato quindi votato quasi all'unanimità (117 voti a favore e una astensione): è la prima volta che i giornalisti scioperano nella storia dell'ATS. "Al termine del processo di consultazione, la direzione è stata implacabile e ha fatto concessioni solo su punti minori, rifiutando qualsiasi discussione sulle dimensioni delle riduzioni di personale e sulla loro attuazione entro la fine di gennaio", sottolinea Antoinette Prince.

Direttore pagato a peso d'oro

Solo ai comandi dell'ATS, dopo l'estromissione del caporedattore Bernard Maissen alla fine dell'anno scorso, il direttore Markus Schwab ha cristallizzato la rabbia dei redattori. "È in carica da 12 anni ma non ha la minima idea di come funzionano le redazioni. Agisce semplicemente come un contabile, applicando il mandato del consiglio di amministrazione senza batter ciglio", si indigna un giornalista dell'ATS.

Anche la remunerazione di Markus Schwab fa molto discutere. "Si attribuisce uno stipendio di consigliere federale [circa 450'000 all'anno] mentre dirige una piccola media azienda!", insorge un'altra giornalista dell'agenzia.

streik

Il deputato nazionale Matthias Aebischer ha criticato aspramente la direzione dell'ATS, accusandola di "non capire nulla di giornalismo".

(Thomas Kern/swissinfo.ch)

Interventi politici

Parallelamente all'agitazione di martedì pomeriggio sono state intraprese altre azioni. I giornalisti dell'ATS hanno scritto una lettera aperta per avvertire le autorità dell'impatto che la ristrutturazione potrebbe avere su molti media svizzeri. Alcuni membri del parlamento federale, tra cui il deputato socialista bernese Matthias Aebischer, il popolare democratico grigione Martin Candinas e la presidente dei Verdi Regula Rytz, stanno preparando interventi alle Camere per chiedere al governo di agire in questa crisi.

In un comunicato, il Partito socialista svizzero chiede al governo elvetico di "salvare il servizio pubblico fornito dall'ATS". Ciò potrebbe per esempio essere fatto tramite la creazione di "una fondazione di servizio pubblico" che fornisce notizie di base a tutti i media svizzeri, ha spiegato dal canto suo la Verde Regula Rytz.

Un ex giornalista dell'ATS, Marco Fähndrich, ha lanciato una petizione onlineLink esterno per chiedere alla ministra della comunicazione Doris Leuthard di intervenire in favore dell'agenzia di stampa nazionale. "Il drastico taglio attualmente previsto all'ATS avrebbe gravi conseguenze sulla qualità del giornalismo in tutta la Svizzera", si rileva nella petizione. Nell'appello alla ministra si propone, ad esempio, che una parte del canone radiotelevisivo sia attribuita all'ATS. Martedì in tardo pomeriggio, la petizione era già stata firmata da più di 900 persone.

(1)

Cos'è l'Agenzia telegrafica svizzera?

Un'agenzia che ha più di cento anni

Fondata a Berna nel 1894, l'Agenzia Telegrafica Svizzera (ATS) è l'agenzia di stampa nazionale elvetica. Quale società per azioni organizzata come cooperativa, l'ATS non ha scopo di lucro. Il suo capitale è detenuto dai principali editori della stampa, dalla Società svizzera di radiotelevisione (SSR, di cui fa parte anche swissinfo.ch) e da varie organizzazioni. I proprietari sono anche i principali abbonati. Il 30 ottobre 2017, l'ATS ha annunciato la fusione con l'agenzia fotografica Keystone. La nuova società avrà come azionista principale l'agenzia di stampa austriaca (APA).

Fine della finestrella


Cosa succede senza l'ATS?

video

Cosa succede nelle redazioni dei giornali se non arrivano notizie dall'ATS?

Potete contattare direttamente l'autore dell'articolo su Twitter: @samueljaberLink esterno


(Traduzione dal francese: Sonia Fenazzi)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.