Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Nuovo direttore del Rubin Museum of Art Jorrit Britschgi e l'arte dell’Himalaya a New York

Jorrit Britischgi

Jorrit Britschgi, nuovo direttore del Museo Rubin vuole mostrare alla gente perché l'arte e le idee provenienti dalla regione himalayana sono ancora oggi di grande interesse.

(Bob Krasner)

Nel marzo 2016, Jorrit Britschgi si è trasferito con la sua famiglia da Zurigo a New York per assumere l’incarico di direttore curatoriale del Rubin Museum of Art, specializzato nell’arte himalayana. All'inizio di ottobre il museo lo ha nominato nuovo direttore esecutivo.

Proveniente dal Canton Obvaldo, Jorrit Britschgi è stato per sette anni curatore del dipartimento di pittura indiana al Museo Rietberg di Zurigo, prima di attraversare l’anno scorso l’Oceano Atlantico per occuparsi a New York dell’arte e della cultura della regione himalayana. Da dove è nata la sua passione per l’Asia? E come si sente con la sua famiglia nella metropoli americana? swissinfo.ch ha incontrato il direttore svizzero del Museo Rubin al suo posto di lavoro a Chelsea. 

“La mia carriera non era un sogno d'infanzia e non vi è stato neppure un momento chiave che mi ha spinto in questa direzione”, spiega Britschgi. “Ma ricordo alcuni punti di riferimento. Ad esempio una collezione d’arte asiatica che apparteneva a dei conoscenti dei miei genitori. Già da ragazzo, aveva attirato la mia curiosità. Mi chiedevo che tipo figure fossero e perché sembravano così diverse dalle nostre?”. 

Britschgi si è poi avvicinato alle culture asiatiche nel corso di alcuni viaggi in questo continente. È stato anche il suo interesse per le lingue a spingerlo verso l’Asia. Il fatto di crescere in una famiglia bilingue – sua madre viene dai Paesi Bassi – ha influenzato la scelta dei suoi studi. “Se si vuole conoscere una cultura, la lingua è qualcosa di fondamentale”, sottolinea Britschgi. Ha esitato a lungo tra il cinese e il giapponese. Per finire ha scelto il cinese, una lingua che ha influenzato anche il giapponese. “La civiltà cinese è stata ed è ancora oggi molto importante”.

Rubin Museum of Art 

Il museo di New York è specializzato in arte e cultura nella regione himalayana. Con le sue mostre e altri programmi, il museo attribuisce grande importanza all'interazione con il pubblico. 

Nell’ambito del suo nuovo incarico, Britschgi vuole rendere l'istituzione culturale ancora più attraente per un vasto pubblico, non solo a livello locale, ma anche virtualmente e globalmente. 

Il suo obbiettivo è di fare in modo che molte persone abbiano la possibilità di riflettere sull’importanza dell’arte e delle idee della regione himalayana. 

“Vorrei che il museo si rivolgesse ai visitatori con temi che vanno al di là dell'arte stessa. Vorrei dare ad un maggior numero di persone l'opportunità di costruire ponti", indica Britschgi. Nel 2018 presenterà le sue mostre e altri eventi sotto il tema guida "Futuro" – il futuro della comprensione culturale della regione himalayana.

Fine della finestrella

L'Esercito di terracotta 

Grazie ad una borsa di studio, ha potuto trascorrere un anno a Xi'an, una città vicina al sito in cui sono state rinvenute le statue dell’Esercito di terracotta, inserito nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco. Lì ha avuto accesso a scavi archeologici, musei e molto altro ancora. “Allora mi sono reso conto che il linguaggio rappresenta uno strumento di accesso. Ma ciò che mi interessa veramente sono i lasciti culturali e artistici e le lezioni che si possono apprendere fino ai nostri giorni”. 

Tornato a Zurigo, ha riorientato i suoi studi, concentrandosi sulla storia dell'arte dell'Asia orientale, in particolare sulla Cina, il Giappone e la Corea. Il suo legame con il Museo Rietberg risale ai suoi studi. In seguito vi ha lavorato come curatore, estendendo le sue conoscenze professionali all'India. 

“Presso il Museo Rietberg ho potuto completare la mia formazione nelle sale espositive, facendo ricorso agli oggetti invece delle presentazioni in PowerPoint”, afferma entusiasta. “Vi è un approccio completamente diverso quando ci si trova di fronte a degli oggetti e si cerca di trovare le parole giuste per descrivere un'opera d'arte”. 

Già durante i suoi studi aveva lavorato per il servizio di sicurezza del museo. “È stato l'inizio della mia carriera museale, poi ho mi sono occupato anche di visite guidate, sono diventato assistente e ho insegnato, a volte, direttamente nel museo”. 

Trasmettere il proprio entusiasmo 

Per un po' di tempo, Britschgi si si è chiesto se voleva continuare nel campo accademico o nel settore museale. “Ma fondamentalmente ho sempre trovato fantastico e appassionante di condividere il mio entusiasmo con il pubblico e di vedere le sue reazioni”. In un museo vi è un pubblico più ampio di quello di una rivista specializzata. Per questo motivo ha detto subito di sì, quando il Museo Rietberg gli ha offerto un lavoro. 

“Non mi sono mai pentito di questa decisione, mi piace molto il mio lavoro. E poi c'è stata l'opportunità di trovare un lavoro da sogno al Museo Rubin”. Martin Brauen, pure cittadino svizzero, lo aveva raccomandato come possibile candidato alla sua successione. A differenza di Brauen, Britschgi non era uno specialista dell'arte della regione himalayana quando ha assunto il suo incarico a New York. Occupandosi di questa regione, ha potuto in un certo senso costruire un legame tra la Cina e l’India. 

Trasloco con la famiglia 

Per assumere il suo nuovo incarico presso il Museo Rubin, Britschgi ha dovuto spostare il centro della sua vita e della sua famiglia a New York. Per accompagnare il marito con le due figlie, la moglie Nicole Rampa ha abbandonato il lavoro presso l'Aargauer Kunsthaus. “Il primo anno è stato molto impegnativo per me e mia moglie. Devi trovare il tuo posto, costruire nuove reti di relazioni e, ciò che è molto importante in una città così vibrante come New York, bisogna trovare luoghi di ritiro. In una città che non dorme mai, come questa, sono necessari momenti di riposo". 

“Ci siamo dati circa un anno per stabilirci e per vedere come potevamo proseguire qui la nostra vita”. Oggi si sentono entrambi molto a loro agio a New York. La moglie lavora per lo Swiss Institute e sta preparando un libro dedicato agli artisti e operatori culturali svizzeri a New York. Un’attività molto importante, poiché il classico modello dell'uomo che guadagna i soldi e della donna a casa con i figli non poteva rappresentare una soluzione a lungo termine per lei. 

Anche i bambini si sono integrati bene. La figlia di cinque anni va all'asilo e sua sorella di tre anni trascorre parte della settimana in una scuola materna. Per i bambini, i primi mesi sono stati un po' difficili a causa della lingua. Oggi entrambi parlano inglese, ma la lingua della famiglia è e rimane il dialetto svizzero-tedesco. “È stato incredibile vedere il talento dei bambini nell’imparare una nuova lingua”. 

La famiglia vive a Park Slope, un quartiere ricco di Brooklyn, dove risiedono molte famiglie con bambini. “Abbiamo un ampio parco nelle vicinanze, una buona infrastruttura scolastica, molti ristoranti, negozi e una stazione della metropolitana. Normalmente, riesco ad arrivare in circa 30 minuti al mio posto di lavoro”. 

Non sanno ancora per quanto tempo intendono restare a New York. Per il momento, l'avventura continua, con il nuovo lavoro e le nuove sfide. “Mi rallegro molto di assumere questo nuovo incarico”, conclude Britschgi.


Traduzione di Armando Mombelli, swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza