Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Giornata internazionale del rifugiato 65,3 milioni di profughi nel mondo, “mai così tanti” secondo l’UNHCR

Il numero di persone in fuga da guerre, persecuzioni e violenze nel mondo ha segnato un nuovo record: a fine 2015 erano 65,3 milioni, il doppio rispetto a cinque anni fa. È quanto rivela l’ultimo rapporto dell’UNHCR, pubblicato in occasione della giornata internazionale del rifugiato.

Vittime di ripetuti attacchi da parte dello Stato Islamico, ma non solo, i membri della comunità Yazidi sono fuggiti a migliaia dall'Iraq per cercare rifugio in Turchia. 

Vittime di ripetuti attacchi da parte dello Stato Islamico, ma non solo, i membri della comunità Yazidi sono fuggiti a migliaia dall'Iraq per cercare rifugio in Turchia. 

(Reuters)

Oggi una persona su 113 è un richiedente l’asilo, uno sfollato interno o un rifugiato: una situazione che rappresenta “un livello di rischio senza precedenti”, scrive l’UNHCR nel suo rapporto “Tendenze globali”Link esterno (in inglese). A fine 2015, i rifugiati nel mondo erano almeno 21,3 milioni, di cui oltre la metà (51%) minorenni. Gli sfollati erano invece 40,8 milioni e i richiedenti l’asilo 3,2 milioni.

Stando all’UNHCR, inoltre, lo scorso anno più di 98mila minorenni non accompagnati – soprattutto afghani, eritrei e siriani – hanno lasciato il loro paese in cerca di rifugio.

Tra i principali paesi d’origine dei profughi spiccano la Siria, con 4,9 milioni di esuli, seguita dall’Afghanistan (2,7 milioni) e dalla Somalia (1,1 milioni). La Turchia è invece il paese ad aver accolto più rifugiati in termini assoluti (2,5 milioni), mentre rispetto alla popolazione, è il Libano a giungere in testa (183 rifugiati ogni mille abitanti).

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Contattate l’autrice via Twitter: @stesummiLink esterno


Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.


swissinfo.ch

×