Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Autismo: troppa indifferenza in Svizzera

I bambini autistici faticano a gestire le interazioni sociali

(Keystone Archive)

Secondo un recente studio, la Svizzera ha del ritardo nei confronti di molti paesi europei a proposito dei trattamenti offerti ai malati d’autismo.

L’analisi rileva che le autorità non garantiscono supporti e consigli adeguati ai genitori di bambini autistici.

L’autismo è una malattia evolutiva che condiziona la maniera nella quale una persona comunica e si mette in relazioni con gli altri.

Bambini ed adulti che soffrono d’autismo riscontrano dei problemi nel gestire le interazioni sociali quotidiane. Spesso, in parallelo, hanno pure delle difficoltà d’apprendimento.

“Nei casi di autismo, constatiamo un importante deficit della capacità di dar vita a relazioni interpersonali”, dice Hans-Christoph Steinhausen, direttore del dipartimento di psichiatria infantile presso l’università di Zurigo ed autore, nel 2004, del rapporto sull’autismo in Svizzera.

“Abbiamo da poco appreso che esiste un ampio spettro di gravità della malattia. Ciò ci ha fatto capire che il disturbo è molto più diffuso rispetto a quello che pensavamo”, aggiunge.

Standard insufficienti

Sebbene in Svizzera non esistano dati precisi sul numero di persone affette d’autismo, si stima che la malattia riguardi tra lo 0.5 e lo 0.8% della popolazione.

Lo studio è stato effettuato per avere un’idea più chiara sull’effettiva diffusione della malattia e per valutare le cure ed i trattamenti disponibili per bambini ed adulti autistici.

“Sorprendentemente, abbiamo notato che la Svizzera non raggiunge gli standard che caratterizzano altri paesi, come quelli scandinavi, l’Olanda, la Germania o la Gran Bretagna”, dice Steinhauser.

“Il pubblico non è sufficientemente informato sull’autismo ed i genitori non dispongono di un’assistenza sufficiente. Molti di loro non sono per niente soddisfatti del sostegno garantito dai professionisti e dallo Stato”.

Attitudine retrograda

Brigitt Germann, del gruppo genitori “Autismo Svizzera”, accoglie con soddisfazione i risultati dello studio.

“È particolarmente importante il fatto che il rapporto non abbia mascherato la situazione nella Confederazione”, rileva Germann.

“In Svizzera, molte persone autistiche non ricevono le cure di cui hanno bisogno. È difficile capire perché il paese ha un’attitudine così retrograda nei confronti dell’autismo”.

Secondo lo studio, in Svizzera i trattamenti medici per gli autistici non tengono poi sufficientemente in considerazione i risultati di ricerche condotte in altre parti del mondo.

“La psicologia infantile non si è adattata agli sviluppi negli altri paesi e non c’è stato un grande interesse per l’autismo”, commenta Steinhausen.

Lo svantaggio del multilinguismo

Il professore ritiene che, uno dei motivi dell’insufficiente attenzione del pubblico verso l’autismo, riguarda il multilinguismo svizzero.

“Negli Stati Uniti, se vuoi migliorare la qualità di vita di un andicappato, trovi subito 100'000 persone che ti sostengono. In un piccolo paese come la Svizzera, dove si parlano diverse lingue, è molto più difficile raggrupparsi per farsi ascoltare”.

Lo studio segnala poi un ulteriore problema: molti giovani con sintomi autistici scivolano tra le maglie della rete.

“Un importante numero di giovani autistici sono semplicemente designati ritardati mentali”, dice Steinhausen. E così, molti di loro non ricevono un trattamento adeguato.

I genitori del gruppo “Autismo Svizzera” sperano che il rapporto possa essere il primo passo per una maggior consapevolezza verso la malattia.

“Potrebbe essere l’inizio di una nuova campagna per migliorare la situazione delle persone autistiche in Svizzera”, aggiunge Steinhausen.

“Dovremmo ad esempio istituire dei centri specializzati in grado di compiere delle diagnosi precoci ed offrire un supporto ai malati”.

swissinfo, Ramsey Zarifeh
(traduzione: swissinfo, Marzio Pescia)

In breve

L'autismo è un disturbo evolutivo che, spesso, appare già durante i primi tre anni di vita.

Colpisce più i ragazzi che le ragazze.

Le persone che soffrono della malattia hanno dei problemi ad interagire socialmente e faticano a comunicare.

Al momento non esistono cure per l'autismo.

Fine della finestrella


Link

×