Alstom taglia impieghi, anche in Svizzera

Il gruppo industriale francese sopprimerà 4mila posti entro il marzo 2012 nella fabbricazione di turbine e centrali elettriche. In Svizzera rischiano di essere cancellati 750 impieghi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2010 - 18:14
swissinfo.ch e agenzie

Complessivamente in Svizzera Alstom impiega 6000 persone. Nel canton Argovia è il più importante datore di lavoro privato. Nella Confederazione "prevediamo di sopprimere 750 posti, ma dobbiamo ancora discuterne con i sindacati", ha dichiarato all'agenzia di stampa ATS il capo della comunicazione di Alstom in Svizzera Daniel Schmid. Per ora si è ancora si è ancora allo stadio di consultazione, ha aggiunto.

In una nota diramata lunedì, la multinazionale francese ha indicato che gli stabilimenti più colpiti dai tagli "si trovano in Svizzera, in Germania e negli Stati Uniti". Alstom motiva la soppressione di posti di lavoro nella divisione "Power" con "l'evoluzione di certi mercati".

Un portavoce del gruppo ha affermato che "in Europa e nel Nordamerica c'è stato un crollo del consumo di elettricità e un crollo delle ordinazioni di nuove centrali", che ha fatto diminuire del 50% le ordinazioni tra il 2008 e il 2009.

Secondo quanto indicato lunedì dall'azienda, un migliaio di posti saranno eliminati attraverso la fluttuazione naturale del personale e il mancato rinnovo di contratti a termine. Per gli altri 3000 si parla di soppressione "con misure di accompagnamento".

In totale, nel mondo, Alstom ha in organico 96mila dipendenti, di cui 49'500 nella divisione Power.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo