Scegliere le informazioni per il fact checking

Selezioniamo delle affermazioni fatte da personalità pubbliche che potrebbero portare la gente a chiedersi: «Ma è vero?». Ci concentriamo su affermazioni fatte durante le campagne di votazione, i dibattiti parlamentari o rilasciate dal governo. Verifichiamo però anche le dichiarazioni di personalità di spicco in altri contesti e su questioni importanti per l’opinione pubblica svizzera.

Al momento di decidere quali affermazioni verificare, ci poniamo anche questi interrogativi:

·         Questa affermazione si basa su fatti verificabili?

·         Questa affermazione è degna di interesse o significativa?

·         Questa affermazione è condivisa o reiterata, o rischia di esserlo?


Restare trasparenti e oggettivi

Adottiamo lo stesso approccio per la ricerca, la redazione e la verifica di ogni fact checking. Utilizziamo esclusivamente delle informazioni accessibili pubblicamente e delle interviste di esperti e forniamo quando possibile dei link su Internet. Le nostre conclusioni si basano sulle prove disponibili al momento della ricerca.

Emettere un verdetto

Utilizziamo gli standard seguenti per poter giudicare la veridicità delle affermazioni:

Vero – l’affermazione è corretta.

Fuorviante– omissioni, esagerazioni, contraddizioni o elementi presentati in un modo che crea, intenzionalmente o meno, un’impressione fuorviante.

Falso – l’affermazione non è corretta.

Non comprovato – l’affermazione non può essere provata.

Correggere gli errori

Se ci dovesse essere un errore nel fact checking, provvederemo a correggerlo il più rapidamente possibile e indicheremo la modifica in una nota alla fine dell’articolo.

Scriveteci se doveste trovare un errore al momento della pubblicazione, compresi i link verso le fonti. Noi ricontrolleremo attentamente l’articolo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo