Il vecchio Wankdorf non vuole morire

Il vecchio Wankdorf ridotto a polvere e macerie Keystone

Fatta brillare alle 15.00 in punto, una carica di oltre 20 chilogrammi di esplosivo hanno messo fine all'esistenza del glorioso stadio di Berna. Il vetusto impianto ha comunque resistito in parte all'esplosione. Inaugurato nel 1925 e completamente ristrutturato 47 anni fa, il Wankdorf verrà ricostruito entro il 2004 e offrirà al pubblico 31 mila posti al coperto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2001 - 18:12

Condannato alla demolizione per lasciare il posto ad un impianto più moderno, lo storico stadio della città di Berna ha deciso di ribellarsi. L'esplosione non è infatti riuscita ad abbattere tutta la struttura del Wankdorf, realizzata nel 1954. Dinnanzi a centinaia di curiosi sono crollati in pochi secondi tre piloni della luce e la tribuna principale.

Un pilone ha invece resistito alle denotazioni, rimanendo in piedi come un'ultima vedetta simbolo del vecchio Wankdorf. Gli artificieri non hanno fornito finora spiegazioni per il mancato crollo del proiettore. Il possibile cedimento improvviso del pilone potrebbe rendere ora piuttosto difficile e rischioso l'invervento degli specialisti.

Nella strutture in cemento del vecchio stadio erano stati praticati ben 450 fori, necessari per inserire e far brillare le cariche di esplosivo, che hanno esercitato una pressione di 100 000 bar. Il tutto suddiviso in sei esplosioni a catena, per una durata di una decina di secondi, annunciate da tre squilli di tromba. Il costo dei lavori di demolizione si aggira tra i 50 e i 60 mila franchi.

Gli artificieri hanno predisposto le cariche, per far crollare i piloni dei quattro proiettori alti 50 metri e il tetto della tribuna principale, seguendo le norme della massima sicurezza. Per questo, era stata anche prevista l'evacuazione, tra le 14.00 e le 15.30, dell'area circostante per un raggio di 300 metri.

Una postazione sicura è pure stata predisposta per permettere ai curiosi di assistere alla demolizione, mentre per controllare la situazione, nella zona sono stati dislocati una settantina tra poliziotti e addetti ai lavori.

I lavori di costruzione del nuovo stadio inizieranno nel 2002. Nel 2004 allo stesso posto dovrebbe essere aperto il nuovo stadio nazionale, per il quale sono previsti costi di 350 milioni di franchi. Si tratterà di un centro multifunzionale, che includerà anche un supermercato, uffici e locali scolastici.

Il Wankdorf aveva vissuto la sua ora di maggior gloria nel 1954, con la finale dei campionati mondiali tra Ungheria e Germania, vinta a sorpresa da quest'ultima per 3:2.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo