Navigation

50 anni fa nasceva il primo Bancomat a Zurigo

1° novembre 1967: inaugurato il primo Bancomat in Svizzera, alla Bahnhofstrasse di Zurigo. Keystone/Photopress-Archiv/Ghisleni

Ideato da un tipografo scozzese, il primo Bancomat in Svizzera è entrato in funzione a Zurigo il 1° novembre 1967, stravolgendo le abitudini della popolazione. E anche se negli ultimi anni il bisogno di denaro contante sembra essere calato, il futuro del Bancomat è assicurato, afferma un esperto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 novembre 2017 - 13:50
swissinfo.ch/sum

Si chiama John Adrian Stepherd-Barron ed è considerato il padre del Bancomat. Tipografo scozzese, un giorno si è recato in banca per ritirare denaro contante, ma ha trovato le porte chiuse. E allora ha pensato: perché non costruire una macchina come quella che dispensa cioccolata nei bar, 24 ore su 24? Detto fatto: nel giugno del 1967 viene attivato il primo Bancomat a nord di Londra.

In Svizzera la prima macchina di questo tipo è entrata in funzione sulla famosa Bahnhofstrasse di Zurigo il 1° novembre di cinquant'anni fa. All'inizio, tuttavia, la carta perforata funzionava soltanto per dieci prelievi fino a un massimo di 200 franchi, poi doveva essere sostituita con una nuova.

Oggi si contano circa 5'000 Bancomat in Svizzera, ma da due anni il numero di transazioni e il volume totale ritirato è in calo, secondo le statistiche della Banca nazionale svizzera, citate dalla Radiotelevisione svizzero-francese (RTS). «Oggi ci sono mezzi alternativi, come i pagamenti via telefonino. Si stima che tra cinque-dieci anni, il volume di denaro contante in circolazione diminuirà del 20%», afferma alla RTS Thierry Crespel, responsabile commerciale di Auriga, azienda specializzata nello sviluppo di software bancari. Ciò non significa però che il cash sparirà, sottolinea l’esperto, perché è facile da usare e permette di non lasciare tracce.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.