Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La fonoteca svizzera sta facendo scuola

(swissinfo.ch)

Al momento della sua fondazione, oltre vent'anni fa, la fonoteca nazionale svizzera aveva tutto da imparare. Oggigiorno, grazie a importanti innovazioni tecniche, l'istituzione suscita interesse in tutta l'Europa.

La fonoteca nazionale svizzera ha, per i documenti sonori, la medesima funzione della biblioteca nazionale per quelli stampati: si tratta di luoghi in cui le testimonianze storiche sono conservate e valorizzate a beneficio dei posteri. Luoghi in cui si lotta contro l'oblìo.

A partire dalla sua fondazione, nel 1987, la fonoteca – che si trova a Lugano – raccoglie il patrimonio sonoro della Confederazione e lo mette a disposizione degli interessati. Attualmente, la collezione contra oltre 260'000 fonogrammi.

Si tratta di testimonianze che hanno una relazione con la storia e la cultura della Svizzera. Ad esempio: registrazioni di musica classica, rock, jazz e popolare, libri narrati, racconti, rappresentazioni teatrali, interviste, documenti di ricerca (registrazioni effettuate sul terreno) e collezioni private.

Scelta federalista

Quando fu creato, l'archivio sonoro di Lugano presentava alcuni inconvenienti: gli spazi erano infatti esigui, e i fonogrammi dovevano essere conservati nella cantina dello Studio Foce (uno studio radiofonico costruito nel 1938 e destinato in seguito ad altri scopi).

La decisione di situare la fonoteca nazionale al cantone Ticino rispondeva a un'esigenza federalista. Dal momento che la biblioteca nazionale era stata ubicata a Berna, e la cinemateca a Losanna, il terzo polo doveva essere assegnato alla zona italofona del paese.

Pur trattandosi di una decisione accettata da tutti a livello politico, dal profilo pratico la sede di Lugano costituiva una soluzione piuttosto problematica a causa del difficile accesso dalle altre zone del paese. Infatti, come conferma Pio Pellizzari – direttore della fonoteca dal 1998 –, la maggior parte degli utenti che visita la sede proviene dal Ticino.

Ascolto a distanza

Proprio questo caratteristica logistica ha spinto Pellizzari a esplorare nuove possibilità tecnologiche per ampliare la cerchia degli utilizzatori. «Mi sono detto: se per gli utenti è scomodo raggiungerci, allora dobbiamo offrire loro la possibilità di usufruire delle nostre risorse senza doversi per forza spostare».

Grazie a Internet, alla digitalizzazione di buona parte dei documenti sonori e dopo aver risolto alcuni problemi legati ai diritti d'autore, è quindi stato possibile allestire delle postazioni di lavoro decentralizzate nella Svizzera francofona e in quella germanofona.

I documenti conservati a Lugano possono ora essere consultati, tramite una sorta di sistema Intranet, a partire dalla biblioteca nazionale di Berna, dalla biblioteca centrale di Zurigo, dalla biblioteca universitaria di Losanna e dalla Scuola superiore di musica di Lucerna.

Per evitare abusi, è stato ideato un sistema di sicurezza che impedisce di effettuare copie non autorizzate.

Interesse europeo

L'accesso a distanza offerto dalla fonoteca nazionale sta suscitando molto interesse in tutto il continente: Pellizzari spiega di aver ricevuto richieste d'informazioni da Praga, Budapest, Napoli e Milano.

Nel 1987, al momento della sua creazione, la fonoteca nazionale era chiamata a colmare un importante ritardo: la maggior parte delle istituzioni analoghe in Europa avevano infatti iniziato la loro attività già all'inizio del secolo. A questo proposito, il direttore afferma: «Abbiamo potuto imparare dagli errori degli altri, riuscendo persino a superarli».

E la fonoteca non intende fermarsi: il prossimo obiettivo – da realizzare entro la fine del 2009 – è quello di offrire in ogni cantone, tramite una biblioteca pubblica, almeno un accesso alla banca dati sonora.

swissinfo, Gerhard Lob, Lugano
(traduzione e adattamento, Andrea Clementi)

Fonoteca nazionale

Presso la fonoteca nazionale svizzera di Lugano lavorano attualmente 20 collaboratori (14,5 posti a tempo pieno). A questi si aggiungono i praticanti e le persone che prestano servizio civile.

Il budget per il 2009 ammonta a circa 2,3 milioni di franchi; 1,6 milioni sono destinati al personale, mentre il resto della somma serve a coprire le spese per l'affitto, la tecnologia e altre uscite.

La fonoteca nazionale è finanziata per buona parte dalla Confederazione, ma può contare anche sul sostegno del cantone Ticino e della città di Lugano. Il grado di autofinanziamento ammonta al 7%.

La Confederazione occupa un seggio nel Consiglio di fondazione della fonoteca. Unitamente al cantone Ticino e alla città di Lugano, esso comprende anche la Società svizzera di radiotelevisione, la Società svizzera per i diritti degli autori di opere musicali, la Società svizzera degli artisti interpreti e la filiale elvetica dell'«International Federation Of Producers Of Phonograms And Videograms».

Fine della finestrella

Archivio sonoro

Nel 2001, la fonoteca nazionale è stata trasferita dallo Studio Foce al Centro San Carlo, l'ex seminario diocesano di Lugano. Nell'edificio si trovano ora gli uffici e i supporti fisici dei fonogrammi (circa 260'000).

Il catalogo online della fonoteca, disponibile in cinque lingue (tedesco, francese, italiano, romancio e inglese), comprende circa 160'000 fonogrammi. Quelli più recenti sono digitalizzati prioritariamente rispetto ai documenti più vecchi.

I fonogrammi sono suddivisi in cinque categorie: musica classica, rock-pop, jazz, popolare e trasmissioni parlate. A partire dal 2006, tutti i documenti sono registrati in forma digitale: il server centrale della fonoteca ha un volume di 40 terabyte.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×