Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La primavera della musica popolare

Formazione di Ländlermusik (picswiss.ch)

(picswiss.ch)

Ritorno d’interesse, in Svizzera, per la musica folcloristica. Trasmissioni radiofoniche e televisive, articoli di giornali concerti, vendite di dischi lo testimoniano.

Una passione che s’esprime nella Festa federale di musica popolare, a Bulle, canton Friborgo, da venerdì 5 a domenica 7 luglio.

“Solo 30 o 40 anni fa quasi nessuno voleva sentir parlare di musica popolare o folcloristica. Oggi, invece, i detentori di questa tradizione sono corteggiati da tutte le parti”. Così Marcel Cellier, vice-presidente della Società per la musica popolare in Svizzera (SMPS), riassume il cambiamento di mentalità che ha portato molti a riconsiderare la musica popolare.

Un ritorno d’interesse che si riflette anche sulla nona edizione della Festa federale di musica popolare.

Oltre 250 le formazioni di quella che nella Svizzera tedesca viene definita Ländlermusik - complessi con schwyzerhörgeli, clarinetto, contrabbasso - che si esibiscono per la gioia di migliaia d’appassionati. 1.115 i musicisti impegnati.

L’allestimento della Festa federale di musica, che ha luogo ogni quattro anni, richiede un investimento che s’avvicina ad 1 milione di franchi svizzeri, il 70% del quale coperto dallo sponsoring ed il restante dagli incassi della manifestazione.

“La nostra manifestazione non ha mai beneficiato d’una copertura mediatica così importante come quella di quest’anno”, ammette Hans-Peter Trefalt, vice-presidente dell’Associazione svizzera per la musica popolare, che celebra il 40esimo d’attività e conta 13 mila membri.

La radiotelevisione svizzera (SRG SSR idée suisse) ritrasmette, infatti, i momenti topici della manifestazione in diretta sia alla radio sia alla televisione.

Svizzeri sensibili alla tradizione

Una ricerca demoscopica, commissionata nell’ambito dell’esposizione nazionale Expo02, ha confermato l’affezione degli svizzeri per il loro patrimonio musicale.

Un legame intessuto anche da 310 mila musicisti iscritti nelle associazioni di musica popolare, l’87% dei quali suona, canta, balla in complessi di musica popolare tradizionale.

Il ritorno d’interesse della musica popolare in Svizzera rientra in un’operazione culturale iniziata diversi anni or sono, come spiega a swissinfo l’etnomusicologo Pietro Bianchi, responsabile dei programmi di musica popolare della Radio svizzera di lingua italiana.

“Negli ultimi vent’anni c’è stato un grosso sforzo soprattutto nei kleinteather, nei Theâtre de poche e in diversi altri luoghi privilegiati nei quali la musica popolare ha trovato un posto accanto, ad esempio, al mimo ed al teatro di un certo tipo”.

Nell’intera Confederazione di questo genere di piccoli teatri ne esistono all’incirca 5 mila.

Nelle differenti regioni linguistiche del Paese, gli esponenti di punta si chiamano Michael Steiner, il gruppo Monferrine, Fabian Müller, la Vox Bleni e il duo formato dallo stesso Pietro Bianchi con Roberto Maggini.

La tradizione orale

Nella Svizzera Italiana la musica popolare viene considerata alla stregua del jazz, del tango, del Rebetico, sostiene Pietro Bianchi.

Ossia come un valore culturale che si è tramandato oralmente e che si arricchisce nel confronto con la vicina Italia, in particolare con la Lombardia e il Piemonte, dove si parla la stessa lingua anche dal punto di vista musicale.

“Il confronto con il resto del mondo è importante, affinché la musica popolare non diventi un argomento di chiusura, di autocommiserazione o di autocelebrazione del passato”, sottolinea l’etnomusicologo Pietro Bianchi.

Musica popolare che nella Svizzera Italiana si esprime in oltre un centinaio di corali, 45 bande, centinaia di bandelle, migliaia d’appassionati.

swissinfo, Vanda Janka e Sergio Regazzoni

In breve

Svizzeri sempre più attratti dal folkrevival, un fenomeno politico, culturale, musicale iniziato nel ’68.

A Bulle, nel Canton Friborgo, da venerdì 5 a domenica 7 luglio, si celebra la nona edizione della Festa federale di musica popolare.

Un appuntamento quadriennale per decine di migliaia di appassionati di Ländlermusik.

Fine della finestrella

Fatti e cifre

310 mila, i musicisti tesserati dalle associazioni di musica popolare
5 mila, i Kleinteather, Thêatre de poche e club teatrali attivi nella Confederazione
250, i complessi di Ländlermusik che si esibiscono a Bulle alla nona edizione della Festa federale di musica popolare

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×