Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Morta l'attrice Maria Schell

Maria Schell e O.W. Fischer, durante le riprese di "Das Riesenrad" (1961)

(Keystone)

L'artista 79enne, di padre svizzero, è deceduta nel suo domicilio in Carinzia, nell'Austria meridionale.

Beniamina del pubblico negli anni Cinquanta, Maria Schell ha recitato in 84 films e sceneggiati.

L'attrice cinematografica e di teatro Maria Schell è deceduta martedì sera all'età di 79 anni nella sua casa di Kärnten, nella regione austriaca della Carinzia. L'attrice, ricoverata nel mese di marzo a causa di una polmonite, era nata nel 1926 a Vienna, figlia dello scrittore svizzero Hermann Ferdinand Schell e di un'attrice austriaca. Nel corso della sua lunga carriera, l'artista ha recitato in 84 films e sceneggiati.

Uno dei suoi fratelli, l'attore Maximilian Schell, le dedicò un film nel 2002 dal titolo «Mia sorella Maria», un commovente omaggio a metà tra documentario e fiction, che ripercorre la difficile vita dell'attrice, segnata da abuso di alcool e medicinali e anche da un tentato suicidio.

La sorella aveva definito l'opera «un meraviglioso monumento». Proprio in occasione della proiezione della pellicola, nel 2002, Maria Schell aveva fatto una della sue ultime apparizioni in pubblico.

Amata dal pubblico

L'esordio televisivo di Maria Schell avviene nel 1942, con l'opera «Steinbruch» realizzata dallo svizzero Sigfrid Steiner. Dopo le prime esperienze teatrali a Zurigo, l'attrice inizia la propria carriera internazionale con «La casa dell'Angelo», realizzato a Vienna nel 1948.

Diventata ben presto l'idolo di un'intera generazione, alla fine degli Anni Cinquanta Maria Schell parte alla volta di Hollywood. L'attrice raggiunge la definitiva consacrazione con il film «L'ultimo ponte» (1954) di Helmut Käutner (Miglior attrice al Festival di Cannes). L'anno seguente riceve il medesimo riconoscimento alla Mostra del Cinema di Venezia, per la sua interpretazione nel film «Gervaise» di René Clément.

Nel ruolo di Natalia nel film «Le notti Bianche» (1957) di Luchino Visconti, Maria Schell riafferma le sue straordinarie capacità artistiche. Negli anni Sessanta, tuttavia, la sua notorietà declina rapidamente, anche a causa di alcune pellicole che a detta dei critici non hanno la qualità delle precedenti.

swissinfo e agenzie

In breve

Maria Schell, figlia dello scrittore svizzero Hermann Schell è nata a Vienna nel 1926, dove ha studiato recitazione.

Nel corso della sua carriera, Maria Schell è stata attrice televisiva, cinematografica e di teatro, apprezzata da milioni di spettatori.

Maria Schell è deceduta martedì in seguito ad una polmonite

Fine della finestrella


Link

×