Witzerland: una guida all'umorismo svizzero

I cittadini svizzeri hanno la reputazione di essere piuttosto privi di senso dell'umorismo – uno stereotipo che molti dicono sia infondato. Lo spirito comico elvetico è così legato alla cultura, alla politica e alla lingua locale da non poter essere compreso dagli stranieri?

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 ottobre 2020 - 11:00

Una mostra del Museo nazionale svizzero, in corso fino alla fine di gennaio 2021 nel Canton Svitto, tenta di far luce su ciò che fa ridere nel Paese alpino. L’esposizione presenta filmati televisivi, opere d'arte e vignette di noti umoristi come Patrick Chappatte, per vent'anni vignettista dell'International Herald Tribune e del New York Times, e rappresentazioni di giganti del palcoscenico, come il clown svizzero Grock, un tempo una delle star meglio pagate degli spettacoli di varietà.

Le battute e i giochi di parole storici sulla società e su tradizioni, come la neutralità svizzera, si affiancano alle gag e alle barzellette sui cliché, che si ritrovano in molte altre culture. Secondo la curatrice Pia Schubiger, se alcuni le considerano offensive, è giunta l'occasione per parlare di dove stanno i confini dell'umorismo.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo