Navigation

Uno sguardo al futuro

Incontriamo Sophia, un robot in grado di mostrare qualsiasi espressione umana sul suo volto quasi umano. Quali emozioni suscita nei visitatori che la scoprono al WEF di Davos? (Carlo Pisani, swissinfo.ch)

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2017 - 13:25

Nel padiglione The Loft, il tema dietro alle esperienze futuristiche proposte ai visitatori era la quarta rivoluzione industriale. I delegati del WEF hanno potuto avere un incontro ravvicinato con la tecnologia del futuro.

Il robot chiamato Sophia è stato sviluppato dalla ditta di Hong Kong Hanson Robotics. C’erano anche altri tre robot più piccoli in grado di creare il ritratto di una persona in 20-30 minuti.

La Svizzera era rappresentata da ArtmynLink esterno, una spin-off del Politecnico federale di Losanna. L’azienda ha creato uno scanner 3D per la digitalizzazione in alta qualità delle opere d’arte, che consente una visualizzazione interattiva su un semplice browser.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?