Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Musiche, canti, danze e primati

Tutto esaurito questa fine settimana anche per il Gurten Festival di Berna, seguito da 45'000 persone

(swissinfo.ch)

La 37esima edizione del Festival Jazz internazionale di Montreux si è chiusa sabato con una partecipazione record di pubblico.

Affluenza eccezionale di visitatori anche per il Festival Gurten di Berna e le altre principali rassegne musicali estive in Svizzera.

Il Festival Jazz di Montreux rispetta sempre meno il suo nome, ma soddisfa sempre più le aspettative dei suoi organizzatori e del pubblico. L’ultima edizione della più prestigiosa rassegna musicale svizzera si è chiusa con un nuovo primato di visitatori.

Dal 4 al 18 luglio, nella piccola cittadina sul Lemano sono accorse 240'000 persone – 20'000 in più rispetto al 2002 – attirate non solo dalla musica, ma anche dall’aria di festa che si respirava sull’incantevole lungolago.

In aumento anche il numero dei biglietti venduti per i concerti che si sono tenuti nei templi della musica di Montreux: 86'000 entrate paganti, ossia 4'000 in più dell’anno scorso.

450 concerti

Il Festival non vuole aumentare il suo pubblico, ma migliorare la qualità, ripete instancabilmente da diversi anni il suo direttore, Claude Nobs. Ma, nel contempo, continua ad offrire una formula musicale che seduce sempre più la grande massa.

Anche quest’anno il jazz ha lasciato ampio spazio a musiche di ogni genere e per ogni gusto: dal reggae all’hip-hop, dalla musica brasiliana a quella tedesca.

La rassegna è stata però indubbiamente contrassegnata dal rock e dal pop, che hanno rispolverato anche alcune più o meno vecchie glorie degli ultimi 30 anni: dai Jethro Tull agli Yes o ai King Crimson, dai Simply Red a Van Morrison e ai Pretenders.

Complessivamente, la rassegna ha offerto per la sua 37esima edizione 400 concerti gratuiti e 50 paganti.

Un’ulteriore espansione del Festival sembra tuttavia quasi impossibile visti i limiti di capacità della cittadina vodese, adagiata su di un ripido pendio.

Il lungolago non può ormai assorbire un numero maggiore di appassionati, mentre le migliaia di automobili dei visitatori devono ormai venir parcheggiate perfino nelle località limitrofi.

Festival in tutta la Svizzera

Esplosione di musica anche in diverse altre città svizzere: durante la fine settimana erano in programma ben 7 festival musicali di grande richiamo, oltre a varie manifestazioni d’interesse più regionale.

A Berna, sotto un cielo sereno, l’ormai classico Gurtenfestival ha riunito per 3 giorni 45'000 persone sulla collina che sovrasta la capitale svizzera.

Per la sua 20esima edizione, la rassegna musicale bernese ha offerto al suo pubblico anche la cantautrice canadese Alanis Morisette e il vecchio monumento del reggae Jimmy Cliff.

A Lucerna si è aperto invece venerdì il Blue Balls Festival, che a 10 anni dalla sua nascita si è issato ormai al terzo rango tra le rassegne musicali più seguite in Svizzera, con circa 60'000 biglietti venduti.

In programma fino al 26 luglio, il festival lucernese propone molto blues, ma anche diversi altri generi musicali. I nomi di maggior spicco di questa edizione sono Randy Newman, Herbie Hancock, Willy DeVille, Cassandra Wilson e Gianna Nannini.

Estate classica e già esaurita

Anche gli amanti della musica classica hanno la possibilità di soddisfare i loro gusti musicali.

Avenches ha messo in scena questa fine settimana l’ultima rappresentazione del Flauto Magico di Mozart che, in 8 serate graziate dal bel tempo, ha raccolto 47'000 persone nella splendida arena romana.

Gli appassionati della grande musica e del bel canto si danno ora appuntamento tra le montagne vallesane o bernesi: al Festival & Academy di Verbier, in corso dal 18 luglio al 1 agosto, oppure al Menhuin Festival di Gstaad, che va dal 18 luglio al 6 settembre.

Sempre ammesso che trovino ancora dei biglietti.

Tra le montagne, in collina, in città o in riva al lago, l’estate musicale 2003 sta battendo ogni record, favorita dal bel tempo e dalla recessione economica che ha spinto molti svizzeri a trascorrere le vacanze a casa.

Cifre da primato di pubblico sono giunte anche dai festival, non paganti, già tenuti in queste ultime settimane: ad esempio l’Estival Jazz di Lugano, che ha riunito 100'000 persone, il Festival de la Cité di Losanna, con 140'000 visitatori, o la Jazz Parade di Friburgo che ha appassionato 200'000 persone.

Tra le grandi rassegne musicali ancora in programma, da ricordare infine il Paléo di Nyon, che si svolge dal 22 al 27 luglio. I 200'000 biglietti sono però già esauriti da alcune settimane.

swissinfo, Armando Mombelli

Fatti e cifre

Festival Jazz di Montreux: 240'000 persone e 86'000 biglietti venduti.
Gurten Festival di Berna: 45'000 biglietti venduti.
Open Air di San Gallo: 30'000 biglietti venduti.
Estival Jazz di Lugano: 100'000 persone.
Festival de la Cité di Losanna: 140'000 persone.
Festival Caliente di Zurigo: 150'000 persone.
Flauto Magico all'arena romana di Avenches: 47'000 biglietti venduti.

Fine della finestrella

In breve

Rassegne musicali ancora in programma:

Blue Balls Festival di Lucerna, dal 18 al 26 luglio.

Verbier Festival & Academy, dal 18 luglio al 1. agosto.

Menhuin Festival di Gstaad, dal 18 luglio al 6 settembre.

Paléo Festival di Nyon, dal 22 al 26 luglio.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×