Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il governo prevede un disavanzo di 600 milioni

Il Consiglio federale si attende un deficit di 600 milioni nel bilancio della Confederazione per il 2011. Sono annunciate entrate pari a 61,9 miliardi e uscite per complessivi 62,5 miliardi.

Il Consiglio federale ha adottato mercoledì il piano finanziario 2012-2014 e il preventivo 2011. Giovedì ha reso noto le sue decisioni precisando che sono previste uscite straordinarie di quasi 2 miliardi per il risanamento della Cassa pensioni delle FFS (1,1 miliardi) e per il versamento unico supplementare al Fondo infrastrutturale deciso dal consiglio degli Stati (859 milioni).

Ha inoltre sottolineato che il programma di consolidamento dovrà essere attuato parzialmente nel 2011 e integralmente nel 2012. L’importo complessivo di questa azione di risparmio ammonta a 1,5 miliardi, di cui 600 milioni saranno destinati alle misure di verifica dei compiti attuabili a breve termine.

Stando al comunicato del Dipartimento federale delle finanze, la situazione del bilancio della Confederazione è migliorata sensibilmente sull’arco del 2010 grazie alle maggiori entrate dovute al miglioramento congiunturale e alle minori uscite determinate dal programma di consolidamento.

Le entrate prospettate per l'anno prossimo sono in crescita del 3,8% rispetto al livello del preventivo 2010, le uscite del 3,3%. Tali cifre sono influenzate dall'aumento dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) a favore dell'assicurazione per l'invalidità (AI) dal 2011.

Il governo svizzero ha infatti deciso di puntare sul tasso unico dell’IVA e ha proposto nel messaggio inviato al parlamento un tasso del 6,2%. Stando al ministro delle finanze elvetico Hans-Rudolf Merz, un tasso unico favorirà la crescita economica e assicurerà un trattamento fiscale più equo. Lo stesso consigliere federale ha affermato inoltre che esclude di introdurre un’opzione a due tassi differenziati. «Queste varianti sono state studiate, ma i loro effetti positivi sono più deboli», ha sottolineato Merz.

swissinfo.ch e agenzie


Link

×