Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Prevenzione dell’estremismo violento Didier Burkhalter vanta il modello svizzero dinnanzi all’ONU

A Ginevra, Didier Burkhalter et Ban Ki-Moon hanno invitato la comunità internazionale a sondare le cause più profonde del terrorismo.

(Keystone)

Nel corso della conferenza delle Nazioni unite sulla prevenzione dell'estremismo violento, tenuta a Ginevra, il ministro degli esteri elvetico Didier Burkhalter ha presentato l'impegno svizzero in questo campo sulla scena internazionale e le virtù della democrazia semidiretta come mezzo di prevenzione contro i rischi di reclutamento dei giovani nei gruppi terroristici. 

Prendendo la parola dopo il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon, che ha lodato "l'idealismo, la creatività e l'energia degli 1,8 miliardi di giovani" di tutto il pianeta, Didier BurkhalterLink esterno ha ricordato l’obbiettivo della conferenza di Ginevra sulla prevenzione dell’estremismo violento: “Perché un tale incontro? O meglio per chi? Per ogni bambino, ogni giovane, ogni donna e ogni uomo vittima della troppo grande fragilità del nostro mondo". 

Ginevra internazionale Oltre la logica militare per lottare contro l'estremismo violento

Organizzata dalle Nazioni Unite e dalla Svizzera, una conferenza internazionale vuole riunire le energie per combattere contro il reclutamento di ...

Il ministro degli esteri ha tenuto a sottolineare il "ruolo decisivo" delle Nazioni Unite nella prevenzione dell'estremismo violento, ma anche i vantaggi del modello elvetico: la Svizzera ha la fortuna di avere un sistema inclusivo e decentralizzato. "La struttura federale del mio paese si basa sulla convinzione che una cultura del dialogo e del compromesso, soluzioni inclusive e decentralizzate, il rispetto delle minoranze e la separazione dei poteri siano la base della pace". 

Burkhalter ha quindi indicato che Berna ha adottato nel 2015 una nuova strategia antiterrorismo basata sulla prevenzione, la repressione, la protezione e la gestione delle crisi. Settori "che rientrano nel quadro della Costituzione e sono conformi al diritto internazionale e, in particolare, ai diritti umani". 

Questa esperienza alimenta l'impegno della Svizzera a livello internazionale. "In particolare, abbiamo messo a punto un piano d'azioneLink esterno di politica estera per la prevenzione dell’estremismo violento. Con priorità data ai giovani e alle donne”. 

Didier Burkhalter ha fornito l'esempio di un progettoLink esterno, realizzato in una zona emarginata nella periferia di Tunisi, che mira a una migliore integrazione dei giovani nella vita sociale e politica. Ha pure citato un'iniziativa internazionale lanciata dalla Svizzera "per sostenere lo sviluppo di standard e di buone pratiche applicabili al settore della giustizia minorile nel quadro della lotta al terrorismo".

Infine, il ministro degli esteri ha ricordato la presenza a Ginevra di una moltitudine di attori che lavorano per gli stessi obiettivi. Tra questi, diverse organizzazioni fondate dalla Svizzera, come il Centro della politica di sicurezza di Ginevra (GCSP)Link esterno o il Centro per il controllo democratico delle forze armate (DCAF)Link esterno. Ginevra è anche la sede, ha ricordato Burkhalter, del Fondo globale per l'impegno della comunità e la resilienza (GCERF)Link esterno.


Traduzione di Armando Mombelli, swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.