Navigation

Da dove arrivano i soldi per finanziare le moschee svizzere?

Dopo le rivelazioni di alcuni media, secondo cui certe moschee in Svizzera sarebbero finanziate da Arabia Saudita e Turchia, diversi deputati elvetici chiedono trasparenza.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 aprile 2016 - 07:54
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 24.4.2016)

Poco più di una settimana fa, da un’inchiesta condotta dai giornali domenicali Le Matin Dimanche e SonntagsZeitung era emerso che Ankara e Ryad finanzierebbero decine di luoghi di culto islamici in Svizzera. La Turchia in particolare avrebbe sul suo libro paga 35 imam.

Alcuni parlamentari chiedono ora maggiore trasparenza su questi finanziamenti. Vari esponenti del Partito liberale radicale e del Partito popolare democratico intendono così presentare degli atti parlamentari durante la sessione speciale del Consiglio nazionale in programma lunedì. Il loro timore è che insieme ai soldi, vengano importate anche idee radicali.

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.