Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Volume al massimo nelle strade di Zurigo

Festa della musica techno e dei colori durante la 13esima edizione della Street Parade di Zurigo

(Keystone Archive)

Nel mare di colori dei vestiti stravaganti degli amanti della techno, si è svolta sabato la 13esima edizione della Street Parade.

Nelle vie di Zurigo, centinaia di migliaia di persone hanno ballato alle note delle 32 “lovemobiles”. La festa è proseguita tutta la notte.

Alle 15.15 precise, le „lovemobiles“ della 13esima edizione della Street Parade si sono messe in moto nel centro di Zurigo.

In un clima variopinto, centinaia di migliaia di partecipanti - un milione secondo le cifre fornite dagli organizzatori - si sono lasciati guidare a ritmo di musica attraverso le strade della città sulla Limmat.

All’ombra, sebbene rara lungo il percorso della parata, il termometro segnalava 27 gradi. Per la gioia dei partecipanti più accalorati, un po’ di frescura è stata portata dai numerosi cannoni ad acqua.

Quest’anno, gli organizzatori svizzeri sono stati accompagnati da gruppi in provenienza da Portogallo, Belgio, Olanda, Italia, Russia, oltre che dalle sette “lovemobiles” tedesche.

La parata è transitata dall’Opera di Zurigo in direzione della piazza Bellevue, prima di seguire le sponde del lago per 2,4 chilometri e raggiungere la piazza Bürkli ed il porto.

Zurigo più tollerante grazie alla Street

Gli organizzatori hanno concepito l’edizione di quest’anno con lo slogan “Elements of culture”, intendendo così promuovere il dialogo e la tolleranza tra le varie culture.

“Senza la Street Parade, l’aspetto della tolleranza sarebbe diverso qui a Zurigo”, dichiara il portavoce della kermesse musicale Stefan Epli.

Il tema scelto ha voluto inoltre essere un omaggio agli artisti che portano il loro contributo alla cultura techno.

“La musica elettronica e l’arte digitale rappresentano al giorno d’oggi dei beni culturali acquisiti”, indica Epli.

Come ogni anno, la festa non finisce con la sfilata in riva al lago, ma continua per tutto il week-end con un centinaio di ritrovi nei locali della città.

Un morto nella notte

Un giovane di 25 anni è morto nelle prime ore di domenica nel corso del «Mainstation-Party», una festa organizzata alla stazione centrale di Zurigo.

La vittima, ha comunicato la polizia zurighese, è un ragazzo proveniente dall'Italia. Le cause del decesso non sono note e sulla vicenda è stata avviata un'inchiesta.

La lunga, chiassosa e stravagante parata si è invece svolta senza incidenti di rilievo.

Fino a sabato sera «tutto si è svolto in modo pacifico», ha affermato il portavoce della polizia Mario Cortesi.

I servizi sanitari sono comunque intervenuti più volte: in totale è stata prestata assistenza a 700 persone, in genere per piccole ferite, punture di insetti, problemi circolatori, ma anche per abuso di droga e alcool.

Per la prima volta agli appassionati della musica techno è infatti stata servita anche della birra, particolare questo che ha sollevato non poche polemiche.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Un milione di persone hanno partecipato alla sfilata.
500 persone hanno ballato sulle 32 “lovemobiles”.
In provenienza dall’estero un terzo dei carri.
I tedeschi di “Clubanimation.de” il gruppo più numeroso, con oltre 100 ballerini.

Fine della finestrella


Link

×