Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Arte moderna dalla Laguna al Reno

La «Art Basel» è considerata la più grande e importante fiera d'arte moderna al mondo

(Keystone)

Mercoledì, la «Art Basel» apre le sue porte ai visitatori. Quest'anno, la più importante fiera d'arte al mondo, si tiene in concomitanza con la Biennale di Venezia.

A Basilea sono presenti 270 rinomate gallerie d'arte: presentano al pubblico opere di 2000 artisti del ventesimo e del ventunesimo secolo.

Si è appena aperta la Biennale di Venezia e già gli appassionati di arte moderna si vedono offrire un altro importante appuntamento. Mercoledì infatti apre le sue porte la «Art Basel», una manifestazione che fa di Basilea la capitale mondiale dell'arte moderna per cinque giorni.

«La vicinanza temporale con la Biennale di Venezia dovrebbe riflettersi positivamente sul nostro andamento», ha dichiarato Samuel Keller, responsabile della fiera basilese. Keller si aspetta che a Basilea arrivino molti amanti dell'arte e molti commercianti d'arte finanziariamente forti.

«Gli espositori sono confrontati con un mercato stabile, che continua a muoversi in un settore di alto livello». Gli acquirenti più importanti vengono da Stati uniti e Asia.

Gli organizzatori si aspettano 50mila visitatori e 1500 giornalisti. Per questa 36esima edizione «Art Basel» lancerà alcune novità, per esempio i «Public Art Projects», che offriranno la possibilità di scoprire le opere d'arte inserite negli spazi pubblici. A questo scopo il terreno davanti all'edificio della Fiera svizzera sarà a disposizione degli artisti.

Il grasso di Berlusconi

«Alla "Art 36 Basel" sono rappresentati tutti i mezzi d'espressione artistica», ha assicurato Samuel Keller: dalla pittura alla fotografia passando per la videoarte. C'è spazio anche per opere che, viste le dimensioni, sono difficilmente esponibili altrove.

Uno degli oggetti più curiosi è rappresentato dal pezzo di sapone che l'artista italiano Gianni Motti – molto attivo in Svizzera – ha detto di voler vendere per 15'000 euro. Secondo Motti, il sapone sarebbe stato prodotto con il grasso di Silvio Berlusconi. Il presidente del Consiglio italiano se ne sarebbe liberato sottoponendosi ad un'operazione di chirurgia estetica.

Arte effimera

Considerato il padre dell'«happening», Allan Kaprow esporrà davanti alla fiera la sua arte effimera con un'opera denominata «Fluids»: si tratta di una costruzione a base di blocchi di ghiaccio che si scioglierà sotto il sole.

Tra le novità anche la rassegna di libri scritti da artisti. Lo spazio «Artists Books» ha lo scopo di mostrare una visione generale sulle forme di produzione in questo ambito. A Basilea si riuniranno tutti gli editori del mondo intero specializzati in questo settore.

Nella prima sala della Fiera svizzera si troverà «Art Unlimited», una collezione di 72 opere d'arte inedite e di grandi dimensioni: sculture monumentali, proiezioni video e murales.

Un palcoscenico per i giovani

I giovani artisti saranno invece presenti nel settore «Art Statement», che mette in mostra 17 esposizioni personali. Tra queste quella di Jim Drain (Dominion) e Ryan Gander (Is this Guilt in You Too) sono già state premiate con il «Premio d'arte basilese 2005», dotato di 50mila franchi.

Le 270 gallerie presenti sono state selezionate tra le 810 candidature inoltrate. Tra i paesi maggiormente rappresentati gli Stati Uniti, con 64 gallerie, la Germania (49), la Svizzera (37), la Francia (26), l'Inghilterra (24) e l'Italia (14).

Il valore delle opere esposte varia da qualche migliaio di franchi a svariati milioni. Le etichette con un punto giallo segnaleranno le opere con un prezzo inferiore ai 5000 euro.

Film

Da vedere anche il settore «Art Film» che quest'anno proporrà alcuni nuovi film d'autore allo «Stadtkino».

Tra gli altri presenterà il suo nuovo film anche Sydney Pollack, con una pellicola consacrata all'architetto canadese Frank O. Gehry.

Sul tema «architettura dei musei» si discuterà anche in un forum intitolato «Art Basel Conversations», incentrato soprattutto sul progetto di costruire 1000 musei in Cina entro il 2015.

Parallelamente ad «Art 36 Basel» si tiene «Liste 05 – The Young Art Fair». Dedicata alle opere di artisti giovani, «Liste» riunisce 48 gallerie di 22 paesi ed è arrivata alla decima edizione.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

«Art 36 Basel», 15-20 giugno 2005, padiglioni della Fiera svizzera, Basilea (aperta dalle 11 alle 19, il 20 giugno fino alle 17).
«Liste 05 – The Young Art Fair», 14-19 giugno 2005, Brasserie Warteck, Burgweg 15 Basilea (aperta tutti i giorni dalle 13 alle 21).

Fine della finestrella


Link

×