Il festival del fumetto in terra vallesana, fra tradizione e nuovo dinamismo

Appuntamento per gli appassonati di fumetti di mezza Europa a Sierre da giovedì a domenica. Lo sport è il tema centrale di questa 17esima edizione, forse per esorcizzare il brutto ricordo della candidatura fallita del Vallese per i Giochi olimpici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2000 - 15:48

Ironia della storia, l'esposizione "Viva lo sport" è patrocinata proprio dal Museo olimpico di Losanna. Gli sport maggiormente presenti nei fumetti sono il calcio e l'automobilismo, a cominciare dal mitico Michel Vaillant, le cui prime tavole risalgono al 1957.

L'esposizione è completata da un fumetto pubblicato dal Panathlon Club di Losanna sul doping, che vuole costituire un messaggio per i giovani contro questa pratica nello sport.

Il festival di Sierre torna in questa edizione al cinema, abbandonato da cinque anni. Il nuovo direttore ha riproposto il cinema d'animazione con un'attenzione particolare per gli autori svizzeri.

L'infrastruttura del festival è stata ripensata e comporta diverse innovazioni. Restano però gli elementi che hanno fatto il successo della manifestazione: gli spettacoli per le strade, i concerti, i cybercaffè. Nella città vallesana sono attese diverse decine di migliaia di persone.

La giuria del festival attribuirà cinque premi. Circa 70 opere sono in concorso, con una buona presenza di giovani talenti.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo