L'Expo 02 apre i suoi cantieri ai visitatori

Nelly Wenger, la direttrice generale di Expo 02, sulla piattaforma dell'arteplage di Neuchâtel in occasione della sua visita ai cantieri di un mese fa Keystone

Nel tentativo di familiarizzare la popolazione con Expo.02, i suoi vertici hanno pensato di far visitare i cantieri dove si allestiscono le quattro «arteplage». Ma l'operazione promozionale, sebbene non venga detto espressamente, servirà anche a procurar liquidità: il biglietto d'entrata per il sopralluogo ai cantieri costerà infatti tra 7.50 e 10 franchi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 marzo 2001 - 14:59

I visitatori dovrebbero ricevere tutte le informazioni sull'Esposizione e i suoi molteplici aspetti, poi, equipaggiati con un apposito casco di protezione e stivali adatti all'occasione, saranno accompagnati da una speciale guida sul cantiere vero e proprio dove ferve l'opera dei costruttori.

«Potremo accogliere fino a 200 persone al giorno», ha detto venerdì Jean-Marc Lenzo, di Expo, presentando l'iniziativa. Egli ha espresso il convincimento che l'interesse della popolazione non potrà che aumentare con il progredire dei lavori.

L'«Operazione simpatia», valida fino al febbraio 2002, scatterà il 2 aprile a Bienne e poi dal 21 maggio anche a Morat, Neuchâtel e Yverdon. La sicurezza dei visitatori sarà garantita dall'azienda generale. Dal lunedì al sabato il biglietto d'ingresso costerà fr. 7.50 a testa per chi fa parte di un gruppo di 10 persone, e fr. 10 per i singoli, che però dovranno comunque aggregarsi ad un gruppo.

«Costa meno il giro del lago in battello», ha commentato un abitante di Neuchâtel, ma poi si è rasserenato nell'apprendere che i cittadini delle località dove si trovano le «arteplage» potranno entrare gratuitamente sul cantiere nella giornata di mercoledì, mentre negli altri giorni dovranno anch'essi metter mano al borsello, sebbene sborsando soltanto 5 franchi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo