Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Le Alpi "Pop"

Haim Franz Anton (1830-1890): Alpfahrt

(swissinfo.ch)

Affinità nascoste tra Andy Warhol e la pittura alpestre del 19° secolo in mostra al museo di San Gallo. Fino all'8 settembre.

Lontani parenti

Cosa avranno in comune le serigrafie di Andy Warhol degli anni '60 e '70 con le ingenue visioni alpestri della pittura ottocentesca del Toggenburgo e di Appenzello? A prima vista nulla. Eppure nella storia dell'arte, con un po' d'immaginazione e soprattutto di studio, si riescono a trovare sempre nuovi fili rossi per unire anche ciò che sembra più lontano.

Intanto Andy Warhol è il padre della Pop art, che significa arte popolare. Da popolare a folkloristico il passo è breve. Se pensiamo che la cinquantina di pittori tradizionali appenzellesi e del Toggenburgo riuniti a San Gallo dipingevano scene di vita quotidiana sul cartone e non disdegnano nemmeno mobili e suppellettili, il nesso "popolare" diventa ancora più palese.

Warhol si lasciava ispirare dalla civiltà dei consumi, dal cinema, dalla politica, dalla pubblicità: le sue lattine di minestra condensata sono diventate delle icone. D'altro canto, sono pure icone di un mondo (per noi) "idilliaco" le opere dei pittori popolari del 19° secolo esposte al museo di San Gallo.

Ripetizione e gusto per la decorazione

Altra analogia: Andy Warhol, con le sue serigrafie, usava abbondantemente il principio della ripetizione e della serialità. La sua inoltre è un'arte grafica, bidimensionale molto decorativa. Pochi motivi presi dalla vita quotidiana ripetuti con variazioni di colore o di tecnica.

Stesso uso della serialità (e bidimensionalità) nelle scene alpestri: sagome, mascherine e stampini impiegati non solo nei motivi decorativi e nei fregi, ma anche ad esempio nelle lunghe "panoramiche" di mandrie prodotte in serie da pittori come Bartholomäus Lämmler.

Cowboys e fattorie

Oltre alle analogie tecniche ve ne sono naturalmente anche di tematiche: "Cows", "Cowboys", "Flowers" di Warhol trovano il loro corrispettivo naturale nelle scene campestri, nelle rappresentazioni di fattorie e del lavoro dei contadini dei dipinti ottocenteschi.

Nella mostra di San Gallo inoltre i ritratti dell'artista americano, come quello di Jackie Onassis, dialogano con quelli di contadini in abito tradizionale. Ma l'elemento forse più generale di affinità è il tocco "naive", che se era ingenuo nel 19° secolo, è stato invece utilizzato nel 20° secolo con molta astuzia e persino un po' di snobismo.

Alpen-Pop fino al 8 settembre al Kunstmuseum di San Gallo, Museumstrasse 32, San Gallo.

Raffaella Rossello


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.