Roche ridisegna la linea dell'orizzonte a Basilea

La nuova torre che dovrebbe sorgere sul Reno. F. Hoffmann-La Roche Ltd.

Per ampliare la sua sede di Basilea, il gruppo farmaceutico svizzero intende tra l'altro costruire l'edificio più alto della Svizzera. Il costo complessivo dei lavori è stimato a 800 milioni di franchi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 settembre 2006 - 21:39

Il grattacielo e un nuovo centro di ricerca, previsti per il 2011, saranno realizzati dai noti architetti svizzeri Herzog & de Meuron.

Roche ha presentato giovedì grandi progetti per sviluppare ulteriormente il suo complesso industriale e amministrativo a Basilea.

Il gruppo farmaceutico renano vuole investire 550 milioni di franchi nella costruzione di un grattacielo per uffici, che ospiterà ben 2'400 impiegati in una superficie lorda di 75'000 metri quadrati.

La nuova sede permetterà di riunire circa 2'000 collaboratori, che lavorano attualmente in diversi quartieri di Basilea. L'immobile, la cui realizzazione dovrebbe essere ultimata nel 2011, è destinato a diventare il nuovo simbolo architettonico della città sul Reno.

Con un'altezza prevista di 160 metri dovrebbe infatti superare la torre della Fiera di Basilea (Messeturm), che rappresenta attualmente l'edificio più alto della Svizzera con 105 metri.

Riconoscimento di Basilea

"Questo investimento in altezza dimostra la nostra volontà di impegno nei confronti del sito di Basilea", affermano i dirigenti di Roche in un comunicato pubblicato giovedì.

La costruzione del nuovo grattacielo, che avrà 43 piani, è stata affidata ai due grandi architetti basilesi Jacques Herzog e Pierre de Meuron. Il loro studio di architettura ha già realizzato diverse importanti opere a Basilea, come lo Schaulager o lo Stadio di calcio St. Jakob.

Herzog & de Meuron si sono inoltre fatti conoscere in tutto il mondo, grazie al rinnovo della Tate Gallery di Londra o alla costruzione del Forum 2004 di Barcellona e dello Young Museum di San Francisco.

L'anno prossimo dovrebbe inoltre venir inaugurato il nuovo Stadio olimpico di Pechino, disegnato dai due architetti renani e destinato ad accogliere i Giochi del 2008. Herzog & de Meuron dovrebbero inoltre realizzare una torre di 105 metri sullo Schatzalp, al di sopra di Davos.

Da notare che un altro grande progetto per la costruzione di un grattacielo è stato lanciato a Zurigo: con 126 metri di altezza la Prime Tower dovrebbe diventare per pochi mesi l'edificio più alto della Svizzera. L'immobile, disegnato dallo studio di architettura zurighese Annette Gigon/Mike Guyer, sarà ultimato nel 2009/2010.

Nuovi bisogni

Roche ha comunicato inoltre di voler impiegare 250 milioni di franchi per la realizzazione di un nuovo centro di ricerche e di sviluppo, che dovrebbe rimpiazzare vecchi laboratori ormai in disuso. La costruzione di questo edificio dovrebbe essere completata nel 2010.

"Negli ultimi anni Roche ha creato un migliaio di impieghi a Basilea. La costruzione di due nuovi immobili è diventata quindi una necessità per creare nuovo spazio e proseguire questa crescita positiva", ha dichiarato Matthias Baltisberger, responsabile della sede basilese di Roche.

"I nuovi edifici permetteranno di raccogliere numerosi posti di lavoro e di adeguare i nostri centri di ricerca e di produzione alle nuove esigenze. I vecchi immobili non sono ormai più adeguati a questi bisogni".

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Fondato a Basilea nel 1896, il gruppo Roche figura tra i leader mondiali nel ramo della farmaceutica e della diagnostica.
L'azienda basilese è il primo produttore mondiale di medicinali nel settore della cancerologia e della medicina dei trapianti.
Il gruppo Roche impiega 70'000 persone in 150 paesi, di cui 7'500 in Svizzera.
Novartis, l'altro grande colosso farmaceutico di Basilea, detiene un terzo del capitale di Roche.

End of insertion

Basilea: centro di architettura

Negli ultimi anni Basilea è diventata un centro di richiamo mondiale per l'architettura contemporanea.

Numerosi edifici innovativi sono stati infatti realizzati da diversi grandi studi internazionali di architettura. Tra questi:

Herzog & de Meuron: Schaulager di Muttenz, Stadio di calcio St. Jakob, Deposito delle locomotive Auf dem Wolf, Elsässertor

Renzo Piano: Fondazione Beyeler

Mario Botta: Museo Jean Tinguely

Morger e Degelo: Torre della Fiera di Basilea (Messeturm)

Cruz y Ortiz, Giraudi & Wettstein: Passerella della stazione ferroviaria

Diener & Diener, Adolf Krischanitz, Frank Gehry, Rafael Moneo: Campus Novartis.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo