Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Un dizionario per colmare il «Röstigraben»

Luusmeitli - biricchina: lo svizzero tedesco su un capo di biancheria

(swissinfo.ch)

Il primo vero dizionario francese-svizzero tedesco è nelle librerie. L'obiettivo è soprattutto di permettere ai romandi di superare i loro pregiudizi verso il dialetto svizzero tedesco.

Il nuovo lessico contiene oltre 7'000 termini. L'autrice ha preso quale base il dialetto parlato a Zurigo.

Svizzeri di lingua francese e di lingua tedesca non avranno più scuse per non comunicare: un dizionario nelle due lingue, presentato martedì a Gruyères (Friburgo), «dovrebbe aiutarli a migliorare la comprensione reciproca».

Autrice dell'opera di 240 pagine, è la linguista friburghese Mimi Steffen, originaria di Lucerna e che ha vissuto per anni nel canton Vaud.

«Non ci si conosce che con il cuore», ha detto l'autrice presentando la sua opera. Mimi Steffen spera che il dizionario aiuterà i romandi a superare i loro pregiudizi nei riguardi del dialetto della Svizzera tedesca e di scoprire gli aspetti «fioriti e sensuali» di questa lingua.

Il dizionario dovrebbe inoltre permettere agli svizzero-tedeschi residenti da lungo tempo nella Svizzera francese, sottolinea ancora l'esperta, di ritrovare modi di dire della loro gioventù.

Salvaguardare un patrimonio

Salvaguardare un patrimonio linguistico è uno degli aspetti dell'operazione di Mimi Steffen. Ma l'autrice non vuole essere settaria o idealizzare il passato.

Il nuovo dizionario intende infatti offrire una fotografia dello svizzero tedesco attuale, parlato sul posto di lavoro o a casa, con le sue espressioni familiari e anche volgari.

Il '68 ha abolito la gerarchia tra «buon tedesco» e «svizzero tedesco», ha spiegato l'autrice. In effetti, il dialetto svizzero è «una lingua parlata che ha fatto carriera», conquistando lo spazio pubblico.

Inoltre è una lingua giovane, flessibile, vicina alla lingua dei computer e che si adatta perfettamente all'uso degli SMS.

Röstigraben ("Barriera dei rösti")

L'espressione "Röstigraben", ossia "Barriera dei rösti", dal nome del popolare e tradizionale piatto a base di patate della Svizzera tedesca, è ...

Zurighese più facile del bernese

La friburghese ha scelto quale base il dialetto zurighese. È facile da trascrivere foneticamente ed è molto diffuso. Per questo l'ha preferito al bernese, facile solo in apparenza, perché è parlato lentamente.

Secondo la linguista, il bernese è invece un dialetto difficile, dalle espressioni più ricercate e complesse. «È stato usato anche come lingua di comunicazione dalle spie durante la Seconda guerra mondiale».

Il libro completa una prima versione «artigianale» pubblicata nel 1991. Il dizionario contiene oltre 7'000 termini, di cui 1'500 espressioni svizzero tedesche «che non vanno più di moda».

Mimi Steffen vorrebbe pubblicare, dopo il dizionario, anche una grammatica e una piccola guida linguistica.

swissinfo e agenzie

Il paesaggio linguistico in Svizzera

La Costituzione federale riconosce quattro lingue nazionali: il tedesco, il francese, l'italiano e il romancio.

Secondo i risultati del censimento 2000, il 63,7% della popolazione (4,6 milioni) parla tedesco, il 20,4% (1,4) francese, il 6,5% (470'000) italiano, lo 0,5% (35'000) romancio e il 9% (650'000) altre lingue non nazionali.

Nella Svizzera tedesca, l'80,5% degli abitanti (e addirittura più del 90% se si considerano solo gli svizzeri) parla il dialetto svizzero-tedesco in famiglia. Quattro allievi su dieci non parlano tedesco a scuola.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza