Sainte-Croix, capitale degli automi e delle scatole musicali

Gli automi che scrivono o disegnano sono sempre un'attrazione impressionante per i visitatori. swissinfo.ch

Il pellegrino o il viaggiatore che percorre la Via Francigena dalla cattedrale di Canterbury a Roma attraversa anche il Giura svizzero. Un'opportunità per allontanarsi un po' dalle chiese medievali e scoprire una storia industriale più recente. La regione di Sainte-Croix nasconde veri e propri tesori di arte meccanica.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 agosto 2018 - 09:08

In provenienza dalla città francese di Pontarlier, il viaggiatore imbocca la tratta svizzera della Via Francigena passando dalla regione di Sainte-Croix, nel Giura vodese.

Contenuto esterno

Anche in piena canicola, qui le temperature sono clementi; un regalo piacevole per i pellegrini che si spostano a piedi o in bicicletta. È vero che ci troviamo ad oltre 1000 metri di altitudine. Il paesaggio è verdeggiante e i pendii dolci, una caratteristica tipica della catena del Giura, dall'aspetto generalmente meno aggressivo rispetto a quella delle Alpi.

Centro industriale

Immersa tra boschi e pascoli si trova Sainte-Croix, una cittadina di circa 5000 abitanti che stona quasi un po' in questo ambiente bucolico. Molti edifici assomigliano a fabbriche o laboratori e fanno pensare a un'intensa attività industriale. Un'impressione giustificata. 

Per decenni Sainte-Croix è stata un vero e proprio centro dell'industria svizzera. La produzione è rallentata considerevolmente a partire dagli anni Ottanta, ma la regione conta ancora numerosi artigiani specializzati nella meccanica d'arte, in particolare la produzione di automi, scatole musicali e orologi d'alta gamma.

Questa attività è ancora molto viva e sia le autorità sia gli artigiani lottano per assicurarne il futuro.

Esperienza visiva e sonora

Grazie anche a queste competenze industriali e artigianali, la regione possiede una ricca collezione di oggetti meccanici, che può essere visitata nei due musei della città: il Centro internazionale della meccanica d'arte (CIMA) e il Museo Baud.

L'originalità di questi due musei è che non si accontentano di presentare semplicemente degli oggetti statici. Molti pezzi funzionano infatti perfettamente e offrono ai visitatori un'esperienza visiva e sonora. 

In futuro, questi piccoli e grandi tesori potrebbero essere riuniti in un unico spazio, nell'edificio del museo CIMA. Vi è infatti un progetto di fusione tra il CIMA, il Museo Baud e il Museo delle arti e delle scienze di Sainte-Croix. Le trattative sono in corso. Se tutto andrà come previsto, il progetto potrebbe diventare realtà nel 2020. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo