Prospettive svizzere in 10 lingue

Piattaforma blockchain svizzera vuole dare un’identità ai rohingya

A Rohingya mother and child
Senza documenti d’identità ufficiali, spesso i rohingya non possono accedere ai servizi governativi e integrarsi nei paesi in cui si sono rifugiati. Keystone

La piattaforma svizzera di identità digitale Procivis e un’organizzazione non governativa (ong) hanno lanciato un progetto volto a fornire un’identità a 3,5 milioni di rohingya fuggiti dal Myanmar. Il sistema mira a garantire loro l’accesso ai diritti umani fondamentali e ad aiutare i rifugiati a integrarsi in altri paesi. 

L’ong Rohingya ProjectCollegamento esterno, che ha avviato questa iniziativa con ProvicisCollegamento esterno, afferma che la situazione dei Rohingya è peggiorata negli ultimi decenni a seguito di un decreto del governo del Myanmar (allora Birmania) del 1982, che ha di fatto negato alla popolazione minoritaria il diritto di possedere la cittadinanza e documenti ufficiali dello Stato asiatico. 

“Essendo io stesso un rohingya, so cosa significhi appartenere a una popolazione apolide. Per noi, un’identità digitale sicura rappresenta una necessità urgente. Se tale identità fosse stata presente quando i Rohingya sono diventati apolidi nel 1982, la nostra comunità non avrebbe dovuto affrontare molte delle lotte che sta affrontando oggi”, ha dichiarato Muhammad Noor, co-fondatore e amministratore delegato di Rohingya Project. 

In mancanza di documenti d’identità ufficiali, spesso i rohingya non possono accedere ai servizi governativi e integrarsi nella società del loro paese. 

La piattaforma Procivis ha sviluppato un processo di verifica in cinque fasi che consentirà ai rohingya di disporre di una propria identità digitale. “Per Procivis, questo partenariato costituisce la sua prima iniziativa non-profit nell’ambito della sua visione aziendale di consentire l’accesso universale a un’identità digitale sicura”, ha indicato l’azienda svizzera. 

Secondo la Banca MondialeCollegamento esterno, ci sono circa 1,1 miliardi di persone in tutto il mondo che non sono in grado di certificare la loro identità nazionale. Con la sua iniziativa Identificazione per lo Sviluppo (ID4D), la Banca mondiale intende contribuire al raggiungimento dell’Obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite di fornire a tutti nel mondo un documento di identità legale entro il 2030. 

Anche altre agenzie, come il Programma alimentare mondiale delle Nazioni UniteCollegamento esterno, utilizzano la tecnologia a catena lineare per aiutare i rifugiati a far valere la loro identità. Blockchain è un database crittografato decentralizzato, che consente ai singoli un maggiore controllo dei dati e delle transazioni peer-to-peer, eliminando intermediari e commissioni.

Traduzione di Armando Mombelli

I più letti
Quinta Svizzera

I più discussi

Attualità

Altri sviluppi

Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne

Questo contenuto è stato pubblicato al In tutta la Svizzera le donne sono scese oggi in piazza: in diverse città le associazioni femministe hanno chiamato a manifestare per affermare i propri diritti. Gli eventi in programma per lo sciopero erano numerosi.

Di più Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne
aerei

Altri sviluppi

Aerei militari atterrano sull’autostrada

Questo contenuto è stato pubblicato al Quattro caccia F/A-18 si sono posati sull'asfalto dell'A1 a Payerne (Canton Vaud) nell'ambito di un'esercitazione militare che non veniva più effettuata dai tempi della Guerra Fredda.

Di più Aerei militari atterrano sull’autostrada

Altri sviluppi

CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera deve essere liberata dalla piaga del razzismo e dell'antisemitismo, che trascende le frontiere sociali e partitiche, lanciando un piano d'azione nazionale contro questi fenomeni.

Di più CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Altri sviluppi

CSt: quasi un miliardo per la cultura

Questo contenuto è stato pubblicato al Per il periodo 2025-2028, il settore della cultura dovrebbe beneficiare di un budget di quasi 990 milioni di franchi.

Di più CSt: quasi un miliardo per la cultura

Altri sviluppi

GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Questo contenuto è stato pubblicato al A Ginevra l'ex consigliera di Stato ecologista Fabienne Fischer ha utilizzato risorse pubbliche per la sua campagna elettorale del 2023: è la conclusione cui è giunta la Commissione di controllo e di gestione del Gran Consiglio resa pubblica oggi.

Di più GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Altri sviluppi

Borsa svizzera: apre in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato al La borsa svizzera apre in ribasso la seconda seduta della settimana: poco dopo le 09.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 11'997,45 punti, in flessione dello 0,08% rispetto a ieri.

Di più Borsa svizzera: apre in ribasso

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR