Da un secolo a servizio della geografia

Da 100 anni, l'Atlante mondiale svizzero fa bella mostra di sé sui banchi di scuola. Per festeggiare questo traguardo, la Conferenza svizzera dei direttori cantonali ha annunciato la pubblicazione di una nuova edizione del libro e una versione digitale, accessibile gratuitamente.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2010 - 18:58
swissinfo.ch e agenzie

La storia dell’atlante, ricca di vicissitudini, inizia nel 1910 con la pubblicazione del primo libro in lingua tedesca. Nel 1912 arriva la versione francese e tre anni più tardi quella italiana. Da allora, l’atlante è stato ripetutamente adattato, ampliato e aggiornato. Nel 2002 è poi stata lanciata la prima edizione online, ampliata quest'anno con informazioni in 3D.

L'Atlante mondiale svizzero include carte che presentano la situazione generale, il rilievo, il clima, l’economia, la densità della popolazione e la situazione politica di una regione.

Oltre alla sezione cartografica, è compreso l' indice analitico e l'elenco dei toponimi. Strutturato per regioni, iniziando dalla Svizzera, passando in seguito dall’Europa agli altri Continenti e concludendo con i planisferi e la sezione astronomica, l’atlante trasmette, sia a livello topografico che tematico, un’ampia visione sul nostro mondo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo