Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donne si abbracciano fuori dal Bataclan di Parigi, simbolo della strage del 13 novembre: il franco-marocchino Abdelilah Himich, sarebbe, secondo gli Stati Uniti, il mandante di quegli attentati.

KEYSTONE/AP/THIBAULT CAMUS

(sda-ats)

È "Abdel il legionario" uno dei mandanti delle stragi del 13 novembre 2015 a Parigi e del marzo scorso a Bruxelles. A puntare il dito contro il franco-marocchino Abdelilah Himich, ex combattente della legione straniera in Afghanistan, sono gli 007 americani.

I colleghi francesi restano invece molto più prudenti.

Intanto, uno dei presunti terroristi arrestati la notte fra sabato e domenica a Strasburgo e Marsiglia ha svelato gli obiettivi del gruppo, che stava preparando attentati. Altri ne sono stati trovati nei cellulari, in particolare nella cronologia della "app" Google Maps: il 36 Quai des Orfèvres, innanzitutto, storica sede della polizia, i "flic" parigini.

Abdel "il legionario" sarebbe stato coinvolto, nell'organizzazione degli attentati di Parigi e Bruxelles, secondo la convinzione dominante al Dipartimento di Stato americano. Che ha inserito Himich, 27enne originario di Lunel (sud della Francia) e legionario fino al febbraio 2014 - quando si trasferì nei ranghi dell'Isis - nella famosa "lista nera" dei terroristi internazionali. Abdel sarebbe stato al comando della brigata Tariq ibn Ziyad, 300 combattenti ai suoi ordini. I colleghi francesi si dicono "molto prudenti" su queste affermazioni: nei verbali giudiziari parigini infatti Himich neppure compare, anche se nell'inchiesta il suo nome era venuto a galla come uno dei rari "francesi" a ricoprire ruoli di comando nella jihad.

Ma la tensione sempre alta sul fronte della prevenzione e delle inchieste si è impennata oggi per le prime rivelazioni sugli obiettivi del gruppo di jihadisti arrestati fra Strasburgo e Marsiglia. C'era innanzitutto - stando alle confessioni di uno di loro e alla memoria dei cellulari - la celebre sede della polizia fin dai tempi del commissario Maigret, a due passi da Notre-Dame, sull'isola della Cité. Da più angolature, l'edificio è stato osservato, a più riprese, a lungo.

Da oggi, la protezione attorno alla sede della polizia è aumentata, così come quella attorno agli uffici dell'antiterrorismo DGSI, anch'essi sotto la lente dei potenziali terroristi. "Il livello della minaccia è tale - ha scritto il patron della DGSI ai suoi uomini questa sera - che non possiamo riposarci in nessun caso sugli allori...inutile nasconderlo: la sfida è immensa e dobbiamo raddoppiare la vigilanza. I nostri nemici non arretreranno di fronte a nulla".

Nel mirino, a quanto emerso dalla minuziosa inchiesta e dagli interrogatori sugli arrestati (erano sette, due sono stati rilasciati ieri sera), c'erano anche "un parco di divertimenti" e un "luogo di culto", sempre nella regione di Parigi.

SDA-ATS