Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mario Botta.

KEYSTONE/TI-PRESS/ALESSANDRO CRINARI

(sda-ats)

La città e la regione di Berna intendono sostenere il "progetto faro" ("Leuchtturm-Projekt") di Mario Botta per il rinnovo dell'osservatorio astronomico di Uecht, a Niedermuhlern (BE). A tale scopo verseranno circa 150'000 franchi.

"La struttura sarà una sorta di faro per il cantone e l'intera Svizzera, il cui impatto supererà i confini nazionali", afferma il consigliere di stato Christoph Neuhaus, in dichiarazioni riportate dal sito della fondazione Uecht.

In tutto 27 comuni si sono detti disposti a finanziare l'ampliamento mediante complessivamente quasi 75'000 franchi, informa un comunicato odierno del municipio di Berna. Quest'ultimo ha ora deciso di raddoppiare tale importo.

Le autorità avevano autorizzato la costruzione lo scorso luglio. Il progetto di Botta potrà essere realizzato non appena sarà garantito il finanziamento. I costi sono stimati a nove milioni di franchi. I contributi dello Stato, dei cantoni e di privati coprono circa la metà di tale importo, si legge nella nota. È dunque necessaria una partecipazione dei comuni. La fondazione aveva dichiarato in luglio che intende ottenere le garanzie finanziarie entro inizio 2019.

L'osservatorio sul Längenberg risale al 1951 ed è situato a circa 15 chilometri dalla città di Berna, nel parco naturale Gantrisch, in una zona considerata ideale perché vi è poco inquinamento luminoso. Secondo la fondazione non soddisfa più i requisiti odierni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS