Tutte le notizie in breve

La sede della Banca nazionale svizzera (BNS) a Zurigo (foto d'archivio).

Keystone/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

La Banca nazionale svizzera (BNS) corregge leggermente al rialzo le sue previsioni sulla crescita dell'economia elvetica: il prodotto interno lordo (Pil) dovrebbe aumentare di "circa l'1,5%". La precedente stima verteva su una progressione fra l'1,0% e l'1,5%.

Il nuovo orientamento, comunicato oggi in occasione della periodica valutazione della situazione monetaria, è legato ai dati sorprendentemente positivi pubblicati nel frattempo sul Pil svizzero nel secondo trimestre. Questi indicatori - spiega la BNS - lasciano pensare che la ripresa dell'economia svizzera a partire dalla metà del 2015 sia stata un po' più forte di quanto preventivato: ma questa evoluzione non ha comunque interessato tutti i settori e per molte aziende la situazione rimane tesa, mette in guardia l'istituto.

La banca si aspetta che la ripresa elvetica - favorita anche dall'evoluzione mondiale che dovrebbe risultare moderatamente positiva, nonostante le incertezze legate alla Brexit - possa proseguire. Ma nella seconda parte dell'anno la crescita dovrebbe essere più modesta di quella del primo semestre, fra l'altro a causa dell'indebolimento della progressione in Europa. L'andamento migliore dell'economia dovrebbe gradualmente interessare anche il mercato del lavoro: al netto degli effetti stagionali la disoccupazione dovrebbe stabilizzarsi nei prossimi mesi.

Sul fonte del rincaro, la previsione per il 2016 rimane immutata a -0,4%. Per il 2017 è per contro atteso un +0,2%, contro il +0,3% della valutazione di giugno. In calo (dal +0,9% al +0,6%) è anche l'aspettativa dell'inflazione nel 2018.

Sul fronte del mercato immobiliare, il secondo trimestre ha mostrato un rallentamento della crescita dei prezzi, ma il volume dei crediti ipotecari è rimasto praticamente invariato. Secondo la BNS gli squilibri nel settore rimangono: l'istituto promette di continuare a seguire con attenzione gli sviluppi del mercato e di valutare regolarmente l'opportunità di cambiare i parametri dei cuscinetti anticiclici di capitale.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve