Tutte le notizie in breve

Nonostante l'opposizione del campo rosso-verde, il Consiglio nazionale ha approvato stamane un credito di 874 milioni di franchi destinati all'acquisto supplementare di materiale d'armamento per l'anno in corso e all'ammodernamento di veicoli fuoristrada.

Il dossier va al Consiglio degli Stati.

La somma è di 100 milioni superiore a quanto raccomandato dalla commissione preparatoria. Quest'ultima credeva infatti che si potessero risparmiare 100 milioni nell'ammodernamento degli autocarri fuoristrada leggeri "4×4 Duro I" in modo da prolungarne la vita fino al 2040. Questa voce di spesa, la maggiore del programma aggiuntivo, è di 558 milioni di franchi.

Centodiciotto milioni di franchi sono invece previsti per una prima fase d'acquisto di componenti per la comunicazione mobile. Si tratta in particolare di apparecchi a onde direttive con maggiori funzionalità. I mezzi di telecomunicazione impiegati attualmente stanno raggiungendo il limite della loro durata di utilizzazione, come rivelano i guasti sempre più frequenti e le sempre maggiori difficoltà nell'acquistare materiale di ricambio.

Per garantire l'approvvigionamento per l'istruzione all'uso del fucile d'assalto (compreso il tiro fuori dal servizio) sono necessarie acquisizioni di cartucce. Inoltre, per motivi tecnici, il detonatore delle granate a mano 85 va sostituito. Questi investimenti ammontano a 100 milioni di franchi.

Il quarto progetto concerne il prolungamento della durata di utilizzazione del sistema di cannoni di difesa contraerea (DCA) di calibro medio da 35 millimetri per complessivi 98 milioni di franchi. Questi armamenti dovrebbero così essere operativi fino al 2025 e assicurare la transizione fino all'introduzione di un sistema di DCA completamente nuovo.

Con il "Programma d'armamento supplementare 2015" si colmerà una parte delle lacune sorte a livello di equipaggiamento in seguito alla posticipazione di vari progetti, ha ricordato a nome della commissione Thomas Hurter (UDC/SH). Questi rinvii sono stati determinati dalla creazione di un fondo destinato esclusivamente all'acquisto dell'aereo da combattimento Gripen, poi bocciato in votazione popolare, ha ricordato.

Il campo rosso-verde si è battuto per la non entrata nel merito, sostenendo che la situazione finanziaria attuale non consente nuove spese per la difesa, anche perché il Parlamento ha appena approvato un aumento del credito quadriennale di 20 miliardi di franchi, ossia 5 miliardi l'anno.

L'ammodernamento dei fuoristrada Duro ha fatto parecchio discutere, in particolare per quanto riguarda l'opportunità di spendere una somma così importante, anche se diluita su più anni. Tra i maggiori critici figurava Ulrich Giezendanner (UDC/AG), imprenditore attivo nei trasporti, che ha contestato con veemenza questa operazione.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve