Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri dell'Azerbaigian Elmar Mammadyarov, sulla sinistra, e il consigliere federale Didier Burkhalter si sono incontrati oggi a Berna.

Keystone/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Il consigliere federale Didier Burkhalter ha incontrato oggi a Berna il ministro degli esteri dell'Azerbaigian Elmar Mammadyarov durante una visita ufficiale. I due hanno firmato accordi volti a rafforzare la collaborazione fra i due Paesi in materia di migrazione.

La prima intesa riguarda le riammissioni e l'altra l'agevolazione del rilascio di visti. La Svizzera punta così a semplificare la regolamentazione dei rimpatri delle persone che devono lasciare il suo territorio e a facilitare la concessione di permessi d'entrata di breve durata ai cittadini di entrambe le nazioni. Quest'ultimo accordo permette alla Svizzera di adeguarsi alla prassi adottata già dal 2014 dagli altri Stati Schengen.

Come comunicato dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), Burkhalter e Mammadyarov hanno approfittato dell'incontro per confrontarsi su diverse questioni bilaterali, ad esempio nel campo dei diritti umani, e per affrontare vari temi internazionali.

Il capo del DFAE ha presentato al suo pari ruolo azero la strategia di cooperazione regionale per il Caucaso meridionale 2017-20. Argomento di dibattito è stata anche la collaborazione nell'ambito delle istituzioni finanziarie internazionali, dato che l'Azerbaigian fa parte dei gruppi di voto presieduti dalla Svizzera in seno per esempio alla Banca Mondiale o al Fondo monetario internazionale.

Le relazioni fra Berna e Baku si sono intensificate negli ultimi dieci anni, in particolar modo sotto il punto di vista economico e della politica energetica, sottolinea il comunicato. L'Azerbaigian, sul cui territorio operano molte grandi aziende svizzere, è infatti il principale partner commerciale della Confederazione nel Caucaso meridionale.

I due ministri hanno anche discusso a proposito dei conflitti nella regione, dove la Svizzera è impegnata nel favorire il dialogo tra le parti in causa, e della situazione in Ucraina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS