Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda (foto d'archivio).

KEYSTONE/EPA/FRANCK ROBICHON

(sda-ats)

Rallenta per la prima volta in quasi due anni l'indice dei prezzi al consumo in Giappone, complicando ulteriormente gli obiettivi della Banca centrale (Boj), che punta a un tasso di inflazione 'salutare' al 2%.

Un aumento della bolletta energetica in primis ha sostenuto la crescita dell'indice, pari allo 0,9% in marzo, ma ad un ritmo più lento rispetto ai quindici precedenti rialzi consecutivi. Il governatore della Banca del Giappone, Haruhiko Kuroda, il cui mandato di cinque anni è stato appena rinnovato, ha confermato il mantenimento dell'attuale politica monetaria aggressiva "fino a quando sarà necessario".

Secondo gli economisti, il recente apprezzamento dello yen potrebbe impattare sulla sostenibilità dell'export e a sua volta limitare la crescita dell'inflazione per via della riduzione dei costi all'import.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS